ANNOZERO, SANTORO LANCIA PETIZIONE CONTRO LA SOSPENSIONE (VIDEO)

APPELLO MICHEE SANTORO CONTRO SOSPENSIONE ANNOZERO:  VIDEO

ANTEPRIMA PUNTATA 14 OTTOBRE. VIDEO

SANTORO: FIRMATE PER ANNOZERO

di Marco mele

ROMA
Michele Santoro ricorrerà al collegio arbitrale interno della Rai contro la sospensione di dieci giorni inflitta dal direttore generale della Rai, Mauro Masi.
Lo ha annunciato ieri il conduttore nel prologo alla puntata di Annozero. La sospensione dovrebbe partire da lunedì prossimo e bloccare due puntate del programma di Rai2. Nello stesso tempo, Santoro ha chiesto ai telespettatori di aderire ad una dichiarazione contro la possibile sospensione della trasmissione: «Sono un utente Rai, non voglio essere punito al posto di Santoro, non interrompete Annozero». E aggiunge, tra gli applausi: «Voi avete il diritto a non vedere ridotti i vostri cervelli ad un’unica marmellata televisiva». Santoro ricorda anche le minacce ricevute dalla mafia, le “staffette” realizzate insieme a Maurizio Costanzo e l’editto contro Enzo Biagi. «Ho lavorato per 14 anni senza alcun problema disciplinare, sino al 2001: poi, cos’è successo?».
Fino a ieri Santoro pensava di ricorrere al magistrato con una procedura d’urgenza ex articolo 700. La scelta, «per sacrificio personale», è caduta, invece, sul collegio arbitrale interno. Si tratta di un organismo composto da tre componenti: il presidente è nominato dalla direzione provinciale del Lavoro, gli altri due membri sono uno in rappresentanza dell’azienda, l’altro del dipendente. Il rappresentante della Rai, in particolare, andrà scelto per sorteggio all’interno di una rosa di tre nomi presenti in una lista decisa in passato.
Nell’attesa della decisione del collegio arbitrale, Annozero dovrebbe continuare ad andare in onda, salvo un ulteriore provvedimento punitivo relativo al programma andato in onda ieri sera. Che tempi ha questo collegio arbitrale? Non proprio rapidissimi: nel 2008 Claudio Cappon sospese Agostino Saccà per dieci giorni, dopo che il Cda respinse la risoluzione del suo rapporto di lavoro. Tale sospensione non è mai stata scontata da Saccà: la decisione del collegio arbitrale non è ancora arrivata.
Nella trasmissione di ieri, cui ha partecipato fra gli altri il direttore del Sole 24 Ore, Gianni Riotta, si è parlato anche del caso Marcegaglia-Giornale, con tanto di intercettazioni “interpretate” in studio

continua a leggere

Italiani, un popolo di imbecilli: non capisce il Decreto Gelmini e fraintende il Premier

Di Wildgreta

Rassegnamoci: siamo degli imbecilli e anche ignoranti. Ma come? Non abbiamo sentito cosa ha detto il premier? “Ha detto che avrebbe usato la polizia per impedire le occupazioni delle università”. Allora non avete capito niente. Ha usato quelle parole per dire tutt’altro. “Se voi della sinistra (ma esiste?) siete così faziosi da pensare sempre al peggio, non volete bene all’Italia! Qui ci sono delle persone che la stanno amministrando facendo i conti come il buon padre di famiglia” (posso andare via di casa?), “E voi fate di tutto per metterli in cattiva luce”. E il ministro Gelmini? “E’ stata convocata all’Accademia della Crusca perchè ha modificato un accento ostico e coniato due termini nuovi di cui sono entusiasti”. Ah, sì? E quali sarebbero? “Ma come, piùsoldismo e benaltrismo”, “Non so cosa vogliano dire, ma gli studiosi li hanno trovati splendidi.

L’egìda Gelmini e la polizia

di Flavia Amabile Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: