SCANDALO TRANS: E’ PARTITO IL “TOTO MINISTRO”

Di Wildgreta

Da qualche giorno non si parla d’altro che di una lista con dodici nomi che circolerebbe nelle redazioni dei giornali.Dodici personaggi in vista che avrebbero avuto a che fare con i carabinieri ricattatori, con i transessuali, e tutto il resto. Ripetendo ancora una volta che non voglio partecipare al “banchetto” sulle miserie umane delle vittime di questo tipo di ricatti, ritengo che sia meglio venga fuori tutto ciò che deve venire fuori, anche se questo potrebbe far sprofondare altri nell’abisso.Infatti, ritengo che chi accetta di occupare posti di responsabilità, dovrebbe avere almeno l’accortezza di non rendersi vulnerabile ai ricatti, non dovrebbe fare uso di droghe e, possibilmente, non dovrebbe fare pubblicamente il paladino della famiglia tradizionale, scagliarsi contro le coppie di fatto, e tutto il corollario di luoghi comuni a cui siamo stati abituati in questi anni dai partiti di destra e da qualche esponente di sinistra molto attento a non ferire la sensibilità del Vaticano. Insomma, se si vuole fare i paladini, non si può avere una doppia vita.

Comunque, siccome le notizie sulle presunte nuove vittime cominciano ad uscire, vi consiglio la lettura dei seguenti articoli:

MINISTRO AN NELLO SCANDALO TRANS?

MARRAZZO: In un pc sequestrato tracce dell’altro video

Marrazzo: spiato già nel 2005

brenda

(Brenda, il trans che afferma di non c’entrare nulla con il caso Marrazzo.Copyright Ansa)

Spiato, pedinato, controllato. La sua “debolezza” ha messo Piero Marrazzo nel mirino dei ricattatori il 2 luglio scorso, il giorno del blitz dei carabinieri nell’appartamento di via Gradoli. Ma è dal 2005 che il presidente del Lazio rischia di finire nei guai. Dal periodo precedente alla sua affermazione elettorale nella sfida con Francesco Storace. L’inchiesta si chiamava Laziogate e aveva scoperto un primo tentativo di screditare Marrazzo sorprendendolo «con un viado».

Quattro anni dopo, sempre nel periodo immediatamente precedente alle elezioni, la storia si è ripetuta. Con modalità così simili da apparire il secondo atto dello stesso piano.

E tutto gira intorno al quartiere Trionfale, dove opera la compagnia di carabinieri nella quale erano impegnati i quattro militari arrestati. Nel quartiere abitava, o almeno riceveva i clienti, il transessuale che quattro anni fa era stato indicato agli investigatori privati come una delle più assidue frequentazioni di Marrazzo. E nel quartiere si trovava anche l’abitazione di Pierpaolo Pasqua, il detective finito sotto inchiesta. Ora Pasqua spiega: «Ovviamente, non c’entro assolutamente nulla con quel che è successo negli ultimi giorni. Però dimostra un fatto: non volevamo “incastrare” Marrazzo a bella posta, ma avevamo solo raccolto voci confidenziali che non abbiamo neppure voluto utilizzare». Non si voleva, ribadisce Pasqua, mandare un transessuale a bella posta, per costruire uno scandalo a luci rosse che avrebbe costretto lo sfidante di Storace a capitolare.

L’ipotesi? «I carabinieri hanno indagato a lungo su di me. Se qualcuno, seguendomi, è arrivato alla mia stessa scoperta e ha pensato di poterla utilizzare per il proprio tornaconto non lo posso sapere con certezza. Dico che può essere un’ipotesi». Il trans a cui Pasqua era arrivato nel 2005 si faceva chiamare Veronica. Da un informatore era arrivato un numero di telefono. Ci fu anche il tentativo di un contatto, come un cliente qualsiasi. Poi l’iniziativa abortì. Perché? «Non ci interessava entrare fino a questo punto nel privato di Marrazzo», afferma Pasqua, ancora sotto processo per il Laziogate.

il secolo XIX 26 OTTOBRE 2009

ARTICOLI CORRELATI:

MARRAZZO, IL FILMATO: LA DESCRIZIONE DI CHI LO HA VISTO PER PRIMO

MARRAZZO, L’INTERVISTA:”ALLA MIA FAMIGLIA DICO, CE LA CAVEREMO”

————————————————————————————————————————————————————————

D’Addario, nuova intervista: Nell’harem anche escort lesbiche

"Silvio sapeva tutto di me ecco perché non può dire di avermi dimenticata"

LEGGI L’ARTICOLO:

D’Addario, nuova intervista:”Silvio sapeva tutto di me”. Dopo i trans, anche le escort lesbiche

——————————————————————————————————————-

D’Addario su Berlusconi: “È uno sceicco prepotente”

Bari, D’Addario Gate, spunta il terzo uomo: arruolò lui Patrizia

Bari, ascoltate 19 ragazze sette incontri nel mirino dei pm

D’Addario/Bari: Incendiata l’auto di Barbara Montereale

————————————————————————————————————————

Rutelli: ecco cosa farò per gay, lesbiche e trans

di Felix Cossolo dalla redazione di Clubbing
Giovedì 20 Marzo 2008

Il candidato sindaco della Capitale parla del suo programma e di come i gay verranno tutelati. E poi: un centro internazionale della cultura omosessuale e un ufficio contro il mobbing sul lavoro.
Ricevi sul tuo cellulare le news di Gay.it: invia un SMS con scritto GNEWS al 482224.La candidatura di Francesco Rutelli a sindaco della Capitale ha creato un dibattito nella comunità LGBT. C’è un filo conduttore che lo lega a gay e lesbiche che parte da lontano, da quando negli anni ’80 partecipò alle iniziative del “Fuori!” (il collettivo gay dei Radicali) e in pochi si ricordano che nel 1994 sfilò anche al gay pride. Ma poi, dopo che nel 2000 negò il patrocinio al World Pride di Roma del 2000, sono iniziati i contrasti. Nel governo Prodi, nel quale era vicepremier, è stato contrario alla soluzione dei PaCS ma ha sostenuto i DiCo.
In questa intervista esclusiva per Clubbing abbiamo voluto capire cosa ha messo in cantiere il candidato sindaco di Roma ora che si è spogliato delle vesti di leader della Margherita.

La comunità lgbt nazionale ha espresso alcune perplessità sulla sua candidatura a sindaco di Roma, come risponde?
Ho incontrato i responsabili dell’Arcigay di Roma con i quali abbiamo trovato una solida convergenza sui punti della piattaforma elaborata con Arcilesbica Roma e che sono entrati nel nostro programma di governo per la città:
• l’impegno contro qualsiasi discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale a Roma e contro ogni persecuzione nel mondo;
• conferma e miglioramento dei servizi per i romani, che devono valere anche per le coppie di fatto;
• costante attenzione e verifica delle condizioni di vita della comunità ‘lgbt’;
• iniziative nelle scuole per contrastare i fenomeni di bullismo e omofobia.

Lei ha inserito nel suo programma elettorale il rispetto delle identità e la tutela dei diritti di tutti i cittadini. Riprenderà anche il dialogo iniziato con la comunità gay negli anni Novanta?
A Roma è e sarà possibile la convivenza fra i diversi generi e le differenti culture. La contaminazione di culture rappresenta una ricchezza e una nuova occasione di crescita. Le varie sensibilità potranno coniugarsi ed esprimersi senza conflitti. Roma sarà sempre più la città dell’accoglienza e dell’inclusione, dove l’intercultura sarà un valore vero, dove la pari dignità sociale di tutti i cittadini sarà pratica civile e politica.

Quali sono a suo giudizio le principali difficoltà per le persone lesbiche, gay e trans a Roma?
Il rispetto e la sicurezza sono due temi prioritari. Vigileremo per contrastare la discriminazione sessuale sui luoghi di lavoro e combatteremo ogni forma di violenza, aggressione ed esclusione nei confronti degli omosessuali. Sono preoccupato per episodi di aggressività, insulti che si sono verificati nelle scuole. In particolare, promuoveremo un accordo con tutte le organizzazioni sindacali per istituire un servizio di patrocinio legale gratuito contro il mobbing e sottrarre la condizione omosessuale a qualsiasi discriminazione nei posti di lavoro. Sigleremo, inoltre, un protocollo d’intesa con la Questura di Roma e con le Istituzioni garanti dell’ordine pubblico, contro la violenza e la prepotenza.

Come giudica le critiche della destra per la sua scelta di appoggiare la piattaforma di Arcigay ed Arcilesbica Roma?
La destra si caratterizza sempre più per i suoi NO e per le paure che evoca, alimentando pregiudizi inaccettabili. Chi si candida a governare Roma deve saper sostenere e tutelare tutti i suoi cittadini, senza differenze di sorta. Nessuno deve sentirsi escluso. Nessuno deve restare solo. Le politiche dei “no”, le discriminazioni sessuali e i fenomeni di omofobia non troveranno mai spazio e cittadinanza in una grande capitale europea e moderna come Roma. È un mio impegno di candidato sindaco.

Quali altri provvedimenti avvierà la sua Amministrazione per proseguire a Roma la stagione dei diritti?
Come è scritto nel nostro programma elettorale, istituiremo a Roma un Centro Internazionale della Cultura Omosessuale, uno spazio civile di dialogo e creatività, promosso in collaborazione con gli atenei romani e le università internazionali. Un dialogo alto sulla condizione omosessuale; a suo modo, come quello che è stato concepito e poi realizzato nella “Casa Internazionale della Donna”. Il centro sarà affiliato alla rete delle “Case della Cultura”, come luogo simbolo del carattere liberale e antidiscriminatorio della città.
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: