Obama elogia il grande leader dell’Italia: Napolitano

DI WILDGRETA

Strano che solo la stampa estera si sia accorta del fatto Obama ha  definito Napolitano il vero leader italiano, perchè anch’io, ascoltandolo avevo avuto la stessa sensazione e mi ero stupita che nessun Tg “se ne fosse accorto”. Evidentemente nessun giornalista conosce l’inglese abbastanza bene da capire le sottigliezze e gli understatements contenute nel breve discorso di Obama subito dopo il suo incontro con Napolitano.

La stampa estera dà ampio spazio all’apprezzamento per Napolitano

Times: Obama elogia un grande leader dell’Italia ma non è Berlusconi

Barack Obama e Giorgio Napolitano

Barack Obama e Giorgio Napolitano

Al suo arrivo a Roma, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha elogiato pubblicamente il “grande leader” dell’Italia, figura eminente che riscuote “l’ammirazione di tutto il popolo italiano” non soltanto per il suo incarico pubblico ma anche per la sua “integrita’ e gentilezza”. “Voglio confermare che ogni cosa che ho sentito su di lui e’ vera: e’ uno straordinario gentleman e un grande leader di questo paese”, ha detto Obama. Ma – sottolinea l’edizione odierna delTimes -, l’inquilino della Casa Bianca non parlava di Silvio Berlusconi, bensi’ del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Anche il quotidiano spagnolo El Pais sottolinea in un articolo del suo inviato all’Aquila gli apprezzamenti di Obama a Napolitano, spiegando che il presidente Usa ha dato prova di “finezza e abilita’ diplomatica”, “con una lezione che e’ stata tanto sottile quanto ferma”. Obama, scrive Miguel Mora, “ha evitato tutti i riferimenti diretti al primo ministro accusato per gli scandali della prostituzione” ed ha ricevuto “una ovazione delle forze di sicurezza e di soccorso tra le rovine del terremoto”. Secondo El Pais, esprimendo apprezzamento per il presidente Napolitano, che “rappresenta nel migliore dei modi” l’Italia, Obama ha voluto utilizzare “una forma indiretta e squisita per marcare le differenze democratiche e morali”.

Il britannico Guardian, invece, torna questa mattina sulla polemica con Berlusconi e il ministro degli Esteri Frattini, che hanno parlato di “piccolo giornale”, auspicandone “l’espulsione dal gruppo dei grandi giornali del mondo”, e sottolinea che
critiche all’organizzazione del summit all’Aquila sono state espresse anche dal prestigioso New York Times. E cosi’ il Guardian ironizza: “Se il New York Times non si qualifica come un ‘grande’ giornale, allora questo dovrebbe essere un club davvero esclusivo”.

rai news 9 luglio 2009

Nuove foto Villa Certosa: per il G8 tremano la terra e Berlusconi (tutti gli articoli)

https://i0.wp.com/www.politicalive.com/wp-content/uploads/2009/06/el-pais.jpg

Times, un bacio saffico imbarazza Berlusconi: la descrizione della foto

————————————————————————————————-

Times: Nuove foto Villa Certosa prima del G8

————————————————————————————————

Nuove foto Villa Certosa: Bacio saffico davanti al premier?

————————————————————————————————

NUOVI SCATTI VILLA CERTOSA: STAMPA ESTERA MORBOSA COL PREMIER

————————————————————————————————————-

Berlusconi, il Times: “Da eroe a buffone”

https://i1.wp.com/voglioscendere.ilcannocchiale.it/mediamanager/sys.user/52530/il_ritorno_dell_ora_legale.jpg

(Foto: Il ritorno dell’ora legale-satira)

Analisi della parabola del premier: dalla grande popolarità
della crisi del terremoto alle sempre più frequenti contestazioni

leggi l’articolo:Il Times su Berlusconi “Da eroe a buffone”

Times: Grandpa Silvio is “impotent”

Virginia Sanjust

TIMES: Nonno Silvio è “impotente”

dal sito:http://www.timesonline.co.uk/tol/news/world/europe/article6445910.ece

Gioco di parole in questo articolo che il Times online dedica a Berlusconi.

“LA RAGAZZA (Virginia Saint Just) CHE SI DICE ABBIA AVUTO UNA RELAZIONE CON Berlusconi, si rivolta contro di lui dicendo che non ha un grande potere.”

The woman once rumoured to be the Italian leader’s mistress has turned against him, saying he has no real power

// <![CDATA[// // <![CDATA[// // <![CDATA[//

// <![CDATA[// // <![CDATA[//

<!– Remove following

to not show photographer information –> <!– Remove following

to not show image description –>

Virginia Sanjust said Berlusconi showered her with gifts

continua a leggere

Articoli correlati:

Berlusconi stroncato dalla stampa estera

Intervista a Virginia Saint Just

Caso Noemi. Il Times: “papi” era il nome in codice usato dalle ospiti di Berlusconi


“Papi”, chiamatemi “Papi”. Parafrasando Fleming, è il nome in codice che le “papi-girls” (presentatrici televisive, aspiranti attrici e showgirl) avrebbero usato per chiamare il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, al telefono. La rivelazione arriva dal prestigioso Times. Il quotidiano britannico, che con questo articolo dell’inviato a Roma Richard Owen, dimostra di non voler mollare la presa “sull’affaire Noemi”, scrive che il nome in codice serviva ad evitare che il premier venisse identificato in caso di intercettazioni telefoniche. continua a leggere

Norma Salva-Premier: le reazioni della stampa estera

 

LA NORMA SALVA-PREMIER
Ampio spazio sulla stampa straniera
El Pais: “Violato lo stato di diritto”
Il Times titola: “Il tentativo di Silvio Berlusconi di evitare il carcere nel processo per la ‘tangente’ di David Mills”. La vicenda è presente anche su diversi quotidiani tedeschi
Leggi il seguito di questo post »

I più celebri insulti politici (secondo il Times). Prodi nella top ten, Berlusconi assente

 

Una frase di prodi a berlusconi nella top ten del giornale inglese

Note di Wildgreta:

Non mi meraviglia, che in questa classifica di insulti pronunciati da grandi uomini politici, non ne sia stato scelto neppure uno tra le migliaia  firmati Berlusconi. In un’orda di citazioni decisamente colte o decisamente troppo sottili, non potevano inserirsi frasi come “scopa nuova scopa meglio” “scendiletto” “Di Pietro mi fa orrore”. Eh, sì, avrà anche vinto le elezioni, Silvio, ma per raggiungere la classifica del Times, non bastano gli alzatacchi.

Rassegna anglocentrica, ma l’Italia è rappresentata
Un insulto di Prodi a Berlusconi nella top ten del Times (Reuters)
LONDRA – Nell’ultima campagna elettorale italiana è comparso raramente, forse perché i nostri politici, in passato, ne hanno abuso indiscriminatamente. L’insulto, ovvero la pratica di attaccare violentemente gli avversari politici, è stata riscoperta recentemente dai quotidiani del Regno Unito, patria del liberalismo e del fair play, dopo che il primo ministro britannico Gordon Brown è stato definito dal dittatore dello Zimbabwe Robert Mugabe «solo un piccolo puntino in questo mondo» perché aveva criticato la lentezza dello scrutinio durante le recenti elezioni nel Paese africano. Partendo da questo attacco poco gentile il Times di Londra ha provato a stilare la top ten degli insulti politici più celebri. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: