NOBEL A BERLUSCONI: ECCO L’INNO UFFICIALE, “LA PACE PUO'”

 - Silvio Berlusconi Nobel

 - Silvio Berlusconi Nobel
(le foto sul sito del comitato “Silvio per il Nobel”)

DI WILDGRETA

Incredulità, stupore, in qualche caso sgomento, o vero e proprio terrore. Ecco i sentimenti ricorrenti fra le persone che hanno già avuto la fortuna di ascoltare questa canzone scritta col cuore, più che con la testa, da Loriana Lana (?) . Questa è la grande  sorpresa per il compleanno del presidente  Berlusconi (73 anni il il 29 settembre). Vi invito ad ascoltarla, lasciandovi con alcuni versi del testo:

“La pace può                   (ndr Cosa?)
guarda anche tu
(ndr  Dove?)
l’Abruzzo si risveglia incredulo  (ndr E noi ci addormentiamo preoccupati)
la neve e il sole
(ndr Siii?)
che s’incontrano               (ndr Dove? A Paganica?)
e la tua mano è qua          (ndr E’ venuta da sola?)
C’è un Presidente
(ndr Ma và?!)
sempre presente               (ndr Questo è innegabile)
che ci accompagnerà
(ndr Ma proprio sempre sempre?)

Nobel a Berlusconi, inno: “La pace può” (video e testo)

———————————————————————————————————————————————————–

Romeo:”Il Campidoglio è la mia fidanzata”. Il testo delle intercettazioni

Le intercettazioni sugli affari. Veleni sul procuratore Lepore. Un indagato: chiese un’assunzione

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI
NAPOLI – Schizzi di veleno sull’inchiesta, mentre si scopre che tra gli affari romani di Alfredo Romeo c’era anche la gestione di ventimila alloggi. È Vincenzo Mazzucco, l’ufficiale della Dia accusato di essere la «talpa» dell’imprenditore, a mettere in atto quello che appare come un tentativo di inquinamento dell’indagine. «Il procuratore di Napoli Giovandomenico Lepore – dichiara a verbale davanti al gip – mi segnalò un parente di un autista della Procura per farlo assumere da Romeo». A riferirlo, al termine dell’interrogatorio, è il suo legale. Non aggiunge dettagli, ma dopo neanche mezz’ora Lepore reagisce: «È un tentativo di delegittimazione, la segnalazione fu fatta direttamente dall’autista e quando Mazzucco me lo riferì dissi che non volevo saperne nulla ». Non è la prima volta che Mazzucco tenta un depistaggio. Nel gennaio scorso si presentò nell’ufficio di Lepore per informarlo che si sentiva spiato o indagato. Mezz’ora dopo ci fu una telefonata con Romeo che, dice il gip, «era “costruita” e aveva come fine quello di fornire “agli ascoltatori” una versione edulcorata e neutra dei loro rapporti».

La rete di contatti dell’imprenditore napoletano – sul quale tra l’altro pende una richiesta di rinvio a giudizio a Bari, per turbativa d’asta e rivelazione del segreto d’ufficio relative a fatti del 2003- è fitta e variegata. E adesso toccherà ai magistrati romani cercare di scoprire chi fossero i suoi interlocutori politici e tecnici nella Capitale, ma soprattutto se davvero, come ritengono i pm partenopei, per aggiudicarsi i lavori abbia usato gli stessi metodi contestati durante questa indagine: avere in anticipo informazioni sui bandi e far preparare al suo staff bandi e delibere, in modo da prevalere sulla concorrenza. Il 27 aprile 2007 Romeo parla con Luigi Piscitelli, il dirigente del comune di Napoli addetto all’ufficio «Progettazione, realizzazione e manutenzione degli edifici scolastici », anche lui ora ai domiciliari. Ci sono questioni da esaminare ma evidentemente i due non riescono a vedersi e Piscitelli, sia pur ironicamente, se ne lamenta.

Piscitelli: «Pronto?».
Romeo: «Ingegnere buonasera… ».
Piscitelli: «Avvocato, buonasera a voi, però io voglio capire chi o cosa vi trattiene, io penso forse chi, o no?…».
Romeo: «No, no, figuratevi che mia moglie, figuratevi che mia moglie si è insospettita e mi raggiunge domani mattina e sta con me a Roma perché ha detto voglio sapere chi è questa fidanzata…».
Piscitelli: «Sì, però ha fatto l’errore di avvisarvi, perché se veniva improvvisamente, chi lo sapeva…».
Romeo: «Ho detto guarda magari ci stesse una fidanzata, la fidanzata mia adesso in questo momento è il Comune di Roma…».
Piscitelli: «È il Comune di Roma adesso la fidanzata vostra e va bene con 20 mila figli che devono nascere…».

Nonostante una sentenza del Tar avesse sospeso l’aggiudicazione dell’appalto per la manutenzione delle strade, Romeo riteneva che le procedure utilizzate in Campidoglio fossero più efficienti. Lo ha confermato durante il suo interrogatorio di due giorni fa Vincenzo Salzano, il responsabile del progetto Global Service di Napoli finito agli arresti domiciliari. Ha parlato di «pressioni» ricevute da Giorgio Nugnes, l’assessore «fedelissimo» di Romeo che si è suicidato forse per evitare le conseguenze di questa inchiesta: «Per andare a Roma voleva fare un torpedone e invece partimmo ognuno con la propria macchina». Adesso si dovrà scoprire con chi entrarono in contatto.

Fiorenza Sarzanini
corriere della sera 21 dicembre 2008

Italiani, un popolo di imbecilli: non capisce il Decreto Gelmini e fraintende il Premier

Di Wildgreta

Rassegnamoci: siamo degli imbecilli e anche ignoranti. Ma come? Non abbiamo sentito cosa ha detto il premier? “Ha detto che avrebbe usato la polizia per impedire le occupazioni delle università”. Allora non avete capito niente. Ha usato quelle parole per dire tutt’altro. “Se voi della sinistra (ma esiste?) siete così faziosi da pensare sempre al peggio, non volete bene all’Italia! Qui ci sono delle persone che la stanno amministrando facendo i conti come il buon padre di famiglia” (posso andare via di casa?), “E voi fate di tutto per metterli in cattiva luce”. E il ministro Gelmini? “E’ stata convocata all’Accademia della Crusca perchè ha modificato un accento ostico e coniato due termini nuovi di cui sono entusiasti”. Ah, sì? E quali sarebbero? “Ma come, piùsoldismo e benaltrismo”, “Non so cosa vogliano dire, ma gli studiosi li hanno trovati splendidi.

L’egìda Gelmini e la polizia

di Flavia Amabile Leggi il seguito di questo post »

Cosa dice il lodo Alfano

IL SALVAPREMIER

ROMA (11 luglio) – Queste le disposizioni principali del lodo Alfano approvato giovedì dalla Camera e che ora passa all’esame del Senato. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: