Se il gran visir Letta mente ai “suoi” abruzzesi

letta_gianni1.jpg (260×186)

Intanto in Lombardia la Tangentopoli bis cambia i piani (e i nomi) per le regionali.
«Quegli imprenditori, che nella notte del 6 aprile hanno riso pensando di poter fare affari sulla ricostruzione dell’Abruzzo non hanno mai avuto un euro, né l’avranno.
Abbiamo tutti provato un brivido di orrore sentendo che alcune persone ridevano, pensando di poter lucrare sulle disgrazie degli aquilani. Nessuna di quelle brutte persone, nessuna di quelle imprese ha mai messo piede a L’Aquila.
Nessuno di loro ha avuto un euro nella prima fase della ricostruzione e nessuna lo avrà neanche nella seconda fase». È venerdì 12 febbraio, il giorno dopo la deflagrazione dell’affaire Bertolaso. Ma soprattutto il giorno dopo la pubblicazione delle intercettazioni telefoniche fra due imprenditori senza scrupoli, De Vito Piscicelli e Gagliardi, in cui entrambi ridono e si fregano le mani per gli appalti in arrivo legati alla ricostruzione.

Leggi il seguito di questo post »

“Vi ho voluto Beni”: La poesia che Sandro Bondi non ha ancora scritto

Terremoto, esautorate le soprintendenze: la poesia di addio ai Beni Culturali che Bondi non ha ancora scritto

Vi ho voluto Beni (di R. Lerici)

Vi ho voluto Beni
Vi ho voluto nelle mie mani
Vi ho chiesto con ardore
Vi ho avuto per favore

E adesso che vi ho posseduto
Un pensiero mi è venuto,
Che me ne faccio di voi,
che siete sopravvissuti a noi?

continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: