Verona, i 5 picchiatori restano in cella.In consiglio comunale scoppia il caos

 

Pestaggio mortale di Verona. La difesa: gli amici di Nicola hanno provocato la rissa.

Il gip: possono ripetere il reato e c’è anche il pericolo di fuga

VERONA. Restano in carcere con l’accusa di omicidio preterintenzionale aggravato da futili motivi i cinque giovani indagati per la morte di Nicola Tommasoli la notte del primo maggio a Verona. Lo ha deciso il gip Sandro Sperandio che ha ritenuto che per Raffaele Dalle Donne, Federico Perini, Guglielmo Corso e Nicolò Veneri vi sono pericoli di fuga e di reiterazione del reato mentre per Andrea Vesentini il magistrato ha confermato la custodia solo per il pericolo di reiterazione. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Giovani della libertà

 

 Stefano Olivieri,   06 maggio 2008, 13:19

La lettera     Un paese democratico deve reprime con fermezza la violenza pubblicizzando le regole del vivere civile ispirate alla giustizia, alla tolleranza, alla solidarietà umana

Mi rivolgo a tutti coloro che non sono mai stati fascisti e neanche razzisti, ma che si sentono sempre meno sicuri nelle loro case, nelle strade e nelle piazze delle loro città e hanno paura, e chiedono più sicurezza. Mi rivolgo a quanti – e sono certo siano tanti, la maggioranza del popolo italiano che certi orrori li ha ben conosciuti – ritengono si debba con fermezza assoluta, con meno chiacchiere bensì con decisioni e atti certi delle istituzioni democratiche, recidere sul nascere ogni più tenue fermento neonazista che si manifesti nel nostro paese, per evitare che divampi e uccida un inerme. Quando fascismo e xenofobia si incontrano e flirtano, mettendo sotto braccio il sindaco alla fiamma tricolore, parlare di un pericolo nazista è molto più di una eventualità. Leggi il seguito di questo post »

Arrestati gli ultimi due picchiatori di Nicola

Arrestati gli ultimi due picchiatori di Nicola

 

Il luogo dell'aggressione a Nicola Tommasoli
Il luogo dell’aggressione a Nicola Tommasoli

Milano, 6 maggio 2008

Hanno fatto tappa in Austria, in Germania e successivamente in Inghilterra Federico Perini 20 anni e Nicolo’ Veneri, 19 anni, gli ultimi due giovani del gruppo ricercati  e accusati di aver picchiato a morte Nicola Tommasoli a Verona. I due sarebbero fuggiti dopo l’episodio a bordo di un’automobile diretti a Innsbruck, per poi raggiungere successivamente Monaco di Baviera. Di li’ avrebbero preso un aereo diretto a Londra. A quel punto, sottoposti anche alla pressione della Digos che era ormai sulle loro tracce, si sono convinti a rientrare in Italia con un volo Ryanair che e’ atterrato ieri sera alle 23.40 all’aeroporto di Orio Al Serio (Bergamo). E’ li’, che i due, giunti in Italia, sono stati presi in consegna dal personale della questura di Verona.

Una volta a Verona, Perini e Veneri saranno sentiti dal pm che ha coordinato l’inchiesta sulla tragica vicenda che, dopo cinque giorni di agonia, si è conclusa con la morte ieri pomeriggio del disegnatore industriale nell’ospedale di Verona.

Le indagini, anche grazie alla visione delle immagini registrate di alcune telecamere presenti nella zona del pestaggio, si erano sin dai primi momenti indirizzate verso alcuni giovani simpatizzanti della destra estrema.

Molte scuole veronesi si sonofermate questa mattina per ricordare Nicola Tommasoli, il ragazzo picchiato a morte in pieno centro la notte del primo maggio da una banda di teppisti di estrema destra.

In alcuni istituti superiori gli studenti sono rimasti fuori dalle aule in segno di lutto, poi si sono riuniti in assemblea per discutere del fenomeno della violenza tra i giovani. Unanime la condanna, ma anche il netto rifiuto dell’etichetta di citta’ fascista dato a Verona dopo la brutale aggressione.
Sconcerto e sgomento al liceo Classico “Maffei”, la scuola frequentata da Raffaele Dalle Donne, il primo ragazzo a costituirsi ammettendo di avere partecipato al pestaggio di Tommasoli: le idee politiche di “Raffa” erano note a scuola, ma non avevano mai creato problemi.

Rai News 6 maggio 2008

Pestaggio a Verona: Nicola e’ morto

La citta’ e’ sgomenta. Ancora in fuga gli altri due complici

Alle 18 il direttore sanitario dell’azienda ospedaliera di Verona Pier Paolo Benetollo ha dato la notizia
Verona, 5 mag.- Nicola Tommasoli, il ragazzo aggredito a sangue da un gruppo di 5 coetanei a Verona la ntte del 1 maggio, è morto oggi intorno alle 18. A dare la triste notizia è stato il direttore sanitario dell’azienda ospedaliera di Verona Pier Paolo Benetollo dopo che il Collegio medico ha concluso il periodo di osservazione per l’accertamento di morte del 29enne.

I genitori del ragazzo ucciso hanno deciso per la donazione degli organi. Dopo le analisi di idoneità per l’espianto, la procedura potrebbe iniziare già questa sera.

Nel frattempo Verona è sconvolta. Troppa violenza scatenata da futili motivi: una sigaretta negata sostengono gli inquirenti in base alle riscostruzioni fatte fino ad ora. Sarebbe questione di ore, invece, per il rientro in Italia dei due fuggiaschi che starebbero per consegnarsi autonomamente nelle mani della Digos.

Rimane solo da chiarire, e questo lo potrà fare solo il magistrato nelle prossime ore, se a carico dei cinque verrà mossa una accusa di omicidio preterintezionale o di omicidio volontario nel caso in cui si dovessero trovare lesioni di natura talmente violenta tali da provocare volontariamente la morte dell’aggredito.

Il Sindaco di Verona, Favio Tosi, ha proposto una manifestazione di pubblica solidarietà della città davanti al terribile episodio.

 

La Voce d’Italia

Verona, la mano è neonazista ma la destra non lo ammette.Confessano altri due, si cerca ancora

Niente da fare. «La politica non c’entra niente». Il sindaco di Verona, il leghista Flavio Tosi condanna l’aggressione che si è consumata nel centro storico della sua città e che ha ridotto in fin di vita il 29enne Nicola Tommasoli, ma ad ammettere che l’aggressione è tutta politica, proprio non ce la fa. «Non è un’aggressione contro la sinistra – ripete – è un gruppo di deficienti, punto e basta». Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: