Terremoto, Manifestazione Montecitorio 16 giugno:”Verba Volant, Sisma Manent”

LEGGI GLI ARTICOLI:

Terremoto/Montecitorio, il grido degli sfollati:”Vergogna! Buffoni!”

——————————————————————————————-

TERREMOTO: CRONACA MANIFESTAZIONE 16 GIUGNO (TUTTI GLI ARTICOLI)

————————————————————————————————————————-

Terremoto: Sfollati a Roma il 16 giugno, contro le mancate promesse del governo

https://i1.wp.com/www.aostasera.it/userdata/immagini/foto/534/tendopoli-a-lucoli_26114.jpg

La protesta aquilana arriva a Roma

Enzo Mangini

Domani a mezzogiorno presidio dei comitati aquilani a Montecitorio. Contestano il decreto del governo, che la Camera si appresta a votare senza alcuna modifica. I sindaci del cratere, invece, protestano a Preturo, nell’aeroporto del G8.

articoli correlati:

TERREMOTO, 16 GIUGNO MANIFESTAZIONE ROMA:” VOLANTINAGGIO VIETATO NELLE TENDOPOLI

Sta per passare l’Appenino e arrivare fino a Roma la protesta aquilana, covata per due mesi nelle tendopoli del cratere devastato dal sisma del 6 aprile. Domani, da mezzogiorno, un presidio sarà a Montecitorio per contestare il decreto Abruzzo, che la Camera dei deputati si appresta a votare senza che siano state accolte le modifiche proposte dalle opposizioni e dagli enti locali abruzzesi rispetto al testo licenziato dal Senato il 31 maggio scorso.

Oggi pomeriggio, a Roseto degli Abruzzi, ci sarà una grande assemblea, convocata da tutti i comitati aquilani, per coinvolgere nella protesta i 35 mila sfollati distribuiti negli alberghi della costa. Anche loro, si spera, saranno domani a Roma. Organizzare la protesta non è stato facile. Dalla settimana scorsa nei campi sono in corso assemblee molto partecipate e attente. Nonostante la Protezione civile, spesso con motivazioni assolutamente pretestuose, ha sistematicamente negato ai comitati la possibilità di distribuire nelle tendopoli volantini sulle diverse iniziative. «Se questa è ora la nostra città – diceva uno dei giovani del 3e32 – Perché ci viene proibito di far sapere ai cittadini cosa stiamo facendo? Le tendopoli dovrebbero essere le piazze e i quartieri dell’Aquila, quindi deve esserci la stessa praticabilità democratica che si avrebbe se la città non fosse crollata». La scelta dei vertici della Protezione civile di proibire o almeno rendere molto difficile qualsiasi attività «politica» nelle tendopoli, peraltro, sta creando tensioni con alcune organizzazioni di volontariato che non sono favorevoli a questa scelta e non vedono di buon occhio la trasformazione della macchina dei soccorsi in una «centrale» di controllo del territorio. Leggi il seguito di questo post »

Lodo Alfano, presentato il referendum.Raccolta firme in 3500 città

    

Sabato 11 Ottobre 2008 – ore 10:00

 

I° Giornata Nazionale della Legalità – Piazza Navona

La Prima Giornata Nazionale della Legalità, organizzata dall’Italia dei Valori, avrà luogo a Roma, a Piazza Navona, e darà il via alla raccolta firme per il referendum contro il Lodo Alfano. La manifestazione inizierà alle ore 10:00 di mattina e terminerà alle ore 20:00.

Italia dei valori e Rifondazione:raccogliamo firme in 3.500 città.Anche Parisi appoggia l’iniziativa

ROMA
L’11 ottobre comincerà ufficialmente la raccolta delle firme contro il Lodo Alfano. Ad annunciarlo è il leader dell’Idv Antonio Di Pietro in una conferenza stampa organizzata a Montecitorio insieme ad Arturo Parisi del Pd («ma non sono qui a nome del mio partito»), al segretario del Prc Paolo Ferrero, a Carlo Leoni della Sinistra Democratica e a Manuela Palermi del Pdci.

Leggi il seguito di questo post »

Alessandra Mussolini: Miss “maglietta sbagliata”

AlessandraMussolini

miss maglietta sbagliata

Roma – «Orgogliosa di stare dalla parte sbagliata». È questa la scritta che Alessandra Mussolini aveva sulla maglietta con cui è entrata alla Camera.
MA NON DOVEVA OCCUPARSI DI INFANZIA?
di Wildgreta
Qualcuno dovrebbe ricordare alla Mussolini (PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE BICAMERALE iNFANZIA) che, per ora, il reato di “apologia al fascismo esiste ancora”, quindi dovrebbe cercare di evitare show come quello di oggi. Capisco che, ormai a Montecitorio si fa un po’ come a casa propria e che il rispetto istituzionale è stato ampiamente seppellito da questo governo, però sarebbe bello ogni tanto ricordarsi che si è lì a rappresentare i cittadini. Sempre che a questo governo importi qualcosa dei cittadini…

 

Roma – «Orgogliosa di stare dalla parte sbagliata». È questa la scritta che Alessandra Mussolini aveva sulla maglietta con cui è entrata in aula alla Camera, e che ha poi mostrato a Gianfranco Fini in Transatlantico al termine dei lavori. Leggi il seguito di questo post »

Meglio gli “Arancini Padani” di Salvini (Lega) dei bigliettini del “rubacuori-premier”

 

 ROMA KAPUT

Di Wildgreta

Su Affari Italiani, è partita una rubrica firmata dal deputato leghista Matteo Salvini che racconta curiosità e impressioni da Montecitorio. Il primo articolo lo trovate qui sotto. Lo trovo divertente e , in un certo senso, anche utile a trasmettere un clima che, non essendo deputati, non potremmo mai assaporare. Buona la vena ironica, sufficiente l’italiano (non si dice “da settimana prossima” ma “dalla settimana prossima”) e interessanti le annotazioni. Spero che Salvini non si riveli, in futuro,  “estremo”come il blogger leghista della Trincea Padana che mostra fieramente sul proprio blog immagini come quella del Colosseo in fiamme.

Per ora, quindi, complimenti a Salvini, anche perchè non ne possiamo più delle Nunzia, delle Gabri, delle Rosse e delle ex veline del Cavaliere.

LEGA/ SALVINI RACCONTA MONTECITORIO: D’ALEMA NON APPLAUDE VELTRONI Leggi il seguito di questo post »

I cannoli di Totò Cuffaro anche in Parlamento?


di Calogero Giuffrida

 I cannoli di Totò Cuffaro anche in Parlamento? In tanti, effettivamente, anche tra i parlamentari, lo hanno pensato l’altra mattina, davanti Palazzo Montecitorio, dov’era posteggiato un camioncino della ditta Carollo, la pasticceria industriale che ha prodotto, la scorsa settimana, gli ormai famosi 7000 cannoli offerti a Raffadali dall’ex governatore Cuffaro per festeggiare il successo dell’Udc in Sicilia. Leggi il seguito di questo post »

Bossi: “Senza federalismo il popolo si incazza!”

 

Umberto BossiROMA – “Se il federalismo non si fa il popolo s’incazza. Se non si riesce a farlo democraticamente ci sono 30 milioni di matti che se non si fa mi chiedono cosa fare. E’ meglio farlo qui”. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: