L’indiano schiavo in Padania ucciso dalla fatica. Indagati datori di lavoro

I datori di lavoro indagati: omicidio volontario
FRANCESCO SPINI
INVIATO A VIADANA (Mantova)
Un soccorso arrivato troppo tardi, un’agonia andata avanti due ore e più sotto un sole che non dà respiro. Era clandestino, Vijay Kumar, era indiano e non doveva morire in quel campo: l’agricoltore sarebbe finito nei guai. Ci è finito lo stesso, decisamente di più. Vijay Kumar, 44 anni, raccoglieva meloni e angurie nella breve e intensissima stagione estiva. Il 27 giugno la giornata era iniziata come tutte le altre a Viadana, nella bassa mantovana, solo il Po a dividerla dalla Brescello di Peppone e Don Camillo: sveglia all’alba e poi nei campi della contrada Salina per guadagnarsi quegli otto euro che gli davano – chissà quanti erano realmente per lui – per spaccarsi la schiena. Finché tra le quattro e mezza e le cinque il sole e la fatica lo piegano: un infarto e Vijay crolla a terra. Ma non muore subito. Lo lasciano in mezzo al campo a rosolare, perché Vijay non doveva essere soccorso lì: lavorava in nero, sarebbe successo un macello.

Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: