LA CARFAGNA QUERELA REPUBBLICA:HA RIPORTATO LE “INGIURIE” DELLA GUZZANTI

https://i1.wp.com/www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2008/07_Luglio/08/PROT/49.JPG

FOTO MANIFESTAZIONE 8 LUGLIO 2008-ROMA-FONTE: CORRIERE.IT

DI WILDGRETA

Il ministro Carfagna deve aver pensato che la vendetta è un piatto che va consumato freddo, anzi gelato.Infatti è passato un anno da quel famoso No Cav Day, in cui Sabina Guzzanti lanciò dal palco di piazza Navona la sua invettiva contro le donne che diventano ministro non per meriti politici.Anche la Guzzanti, in realtà, non fece altro che riprendere il contenuto di un articolo pubblicato da un quotidiano spagnolo e, quello era il momento clou del presunto scandalo delle intercettazioni hard di cui L’Espresso aveva annunciato la pubblicazione. La pubblicazione non arrivò mai, ma ne parlò tutta la stampa. E allora, perchè mai, Repubblica avrebbe dovuto ignorare l’intera questione? Non è dato a sapersi.Ma se chi ha ingiuriato il ministro Carfagna è Sabina Guzzanti, come mai il ministro querela Repubblica che ha solo riportato le sue parole? Anche questo è un mistero.L’ipotesi più probabile, è che a qualcuno sia sembrato opportuno ingrossare il numero delle querele ai giornali per non sentirsi troppo solo e far apparire alcuni quotidiani come  strumenti lesivi della dignità altrui. “Non solo hanno scritto che il premier aveva problemi di erezioni, ma anche che il ministro Carfagna era….”

E’ solo un’ipotesi, naturalmente. Comunque, in questo articolo troverete tutte “le frasi ingiuriose” e devo dire che, rileggendole, forse se fossi stata il ministro Carfagna, avrei preferito non ricordarle al mondo. (Molti di noi le avevano già dimenticate)

CARFAGNA QUERELA REPUBBLICA:”HA RIPORTATO FRASI INGIURIOSE”

Guzzanti: le intercettazioni hard, il Ministro Carfagna e le querele

Dopo la richiesta di danni alla figlia Sabina ora tocca al padre
Il ministro Carfagna querela Guzzanti
Nel mirino le frasi sul blog: «Calendarista alle pari opportunità, inadatta. Una nomina di scambio»

Guzzanti risponde ad un lettore che gli chiede se le “nomine di scambio” fossero più d’una: “Per quel che ne so, dai testi oculari, più di una.

di Wildgreta

Volevo assistere con i miei occhi  a questo risveglio improvviso di Paolo Guzzanti ma sono arrivata troppo tardi: il sito è inaccessibile. Con la copia cache egirando un po’ in rete sono riuscita a trovarei pezzi più importanti, eccolI:

DAL BLOG: www.paologuzzanti.it

NON PARLIAMO DELLA SIGNORINA MARA CARFAGNA, CALENDARISTA DALLE PARI OPPORTUNITA’, MA….
2 Novembre 2008 Leggi il seguito di questo post »

Carfagna: secondo indiscrezioni vorrebbe dimettersi

La Carfagna verso le dimissioni ? Lo dice ‘Affari italiani’

Striscione manifestazione piazza Navona

(n.s. )Affaritaliani.it: Mara Carfagna vuole dare le dimissioni da ministro
La volontà sarebbe già comunicata al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi a cui spetta l’ultima parola

Articoli correlati:Secondo qualcuno,”Mara Carfagna dovrebbe dimettersi”. Secondo altri, le intercettazioni potrebbero apparire sul web

NAPOLI- Retroscena clamorosi dai palazzi romani. A svelarli il sito Affaritaliani.it. Al centro delle indiscrezioni – che, sottolineiamo, restano tali – il ministro alle Pari opportunità Mara Carfagna che avrebbe espresso al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, la sua disponibilità a lasciare la poltrona. Un abbandono che, secondo il sito, potrebbe essere motivato dalla volontà di uscire dall’occhio del ciclone che l’ha travolta nelle ultime settimane. Leggi il seguito di questo post »

Intercettazioni danno il colpo di grazia: Veronica e Silvio, per l’addio manca solo la divisione dell’eredità.

DA DAGOSPIA / C’ERAVAMO TANTO AMATI…

Il Cavaliere vorrebbe assegnare il 50% del patrimonio a Piersilvio e Marina, il 50% ai tre figli avuti dalla Lario. Veronica vuole che ognuno dei figli di Berlusconi abbia il 20% del patrimonio: così Luigi, Barbara ed Eleonora arriverebbero al 60%. E le intercettazioni osé mai uscite (sinora) potrebbero giocare a favore della first lady

Roma, 6 luglio 2008 – Lo scandalo intercettazioni rischia di travolgere definitivamente anche il matrimonio del premier. Ecco come il noto sito di gossip Dagospia racconta gli ultimi retroscena: Leggi il seguito di questo post »

Intercettazioni hard, Rotondi:”Le miserie di Berlusconi al telefono per la gente saranno grandezze”

(archivio Michela Brambilla e Berlusconi)

Rotondi, assicura che «l’Italia parla al telefono come Berlusconi e non come Eugenio Scalfari: gli italiani scherzano, alludono, dicono pure una porcheria ogni tanto, e gli piace così». Ora credono di illuminare con le intercettazioni le miserie di Berlusconi e, invece, per la gente saranno grandezze”

di Wildgreta

Non so cosa sappia della “gente” Rotondi del PDL. Non so neppure se la conosca “la gente”. Eh, sì, perchè quei poveracci che secondo lui archivieranno come “grandezze”, ciò che la stampa vorrà fare apparire come “miserie di Berlusconi”, personalmente non so chi siano. E anche se esistessero, nessuno di loro fa il Presidente del Consiglio.E se, a suo avviso, tutti gli italiani al telefono dicono “anche qualche porcheria”, questo non depone a favore delle frequentazioni dell’onorevole Rotondi. Personalmente, non conosco nessuno che dica porcherie al telefono parlando di qualcuno che ha fatto entrare in politica o nel governo.E infatti la differenza fra “la gente” di cui parla Rotondi e i rappresentanti del popolo eletti in Parlamento, è tutta qui. Di maiali sarà anche pieno il mondo, ma certamente non sono tutti al governo di una nazione e non tutti nominano ministri le loro amiche, nè modificano i  palinsesti televisivi o intervengono nelle scelte delle attrici delle fiction, per ragioni politiche.Vede, onorevole Rotondi, voi siete lì per occuparvi di noi e dovreste farlo mettendo in ogni ruolo le persone più capaci, i cervelli migliori. Dopodichè, il modo in cui passate il tempo libero, riguarda solo voi.

La dichiarazione di Rotondi Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: