INCHIESTA RIFIUTI: CONFERMATI I 25 ARRESTI.TRA LE MISURE CAUTELARI ANCHE QUELLA PER LA VICE DI BERTOLASO

19/06/2008
La decisione del gip collegiale: fondato l’impianto accusatorio
Sono state confermate dal nuovo organo collegiale, composto da tre giudici per le indagini preliminari, istituito dal recente decreto del governo, le misure cautelari sia agli arresti domiciliari sia quelle interdittive nei confronti dei 25 indagati (tra i quali la vice di Bertolaso, Marta Di Gennaro, responsabili degli impianti di cdr, dirigenti Fibe) accusati di presunti illeciti nello smaltimento dei rifiuti in Campania. CONTINUA

Inchiesta rifiuti: spunta un testimone. Ecco la verità sulle false ecoballe

C’è un testimone che ha raccontato tutto sui falsi rifiuti fabbricati a Napoli. Un uomo che per anni è stato utilizzato per «mettere le cose a posto», almeno da un punto di vista formale, e che quando viene ascoltato dalla polizia giudiziaria ha confermato un passaggio finito in un’intercettazione. «Io le cose a posto non le metto più, ed è giunto il momento che tutti si assumano le proprie responsabilità». È uno dei passaggi dell’inchiesta che ha colpito lo staff dirigente del commissariato per l’emergenza rifiuti. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: