G8, SIMULAZIONE DEL TERREMOTO PER LE FIRST LADY:CHISSA’ COME SI SARANNO DIVERTITE

LEGGI L’ARTICOLO

————————————————————————————————————————————————–


Annunci

Obama elogia il grande leader dell’Italia: Napolitano

DI WILDGRETA

Strano che solo la stampa estera si sia accorta del fatto Obama ha  definito Napolitano il vero leader italiano, perchè anch’io, ascoltandolo avevo avuto la stessa sensazione e mi ero stupita che nessun Tg “se ne fosse accorto”. Evidentemente nessun giornalista conosce l’inglese abbastanza bene da capire le sottigliezze e gli understatements contenute nel breve discorso di Obama subito dopo il suo incontro con Napolitano.

La stampa estera dà ampio spazio all’apprezzamento per Napolitano

Times: Obama elogia un grande leader dell’Italia ma non è Berlusconi

Barack Obama e Giorgio Napolitano

Barack Obama e Giorgio Napolitano

Al suo arrivo a Roma, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha elogiato pubblicamente il “grande leader” dell’Italia, figura eminente che riscuote “l’ammirazione di tutto il popolo italiano” non soltanto per il suo incarico pubblico ma anche per la sua “integrita’ e gentilezza”. “Voglio confermare che ogni cosa che ho sentito su di lui e’ vera: e’ uno straordinario gentleman e un grande leader di questo paese”, ha detto Obama. Ma – sottolinea l’edizione odierna delTimes -, l’inquilino della Casa Bianca non parlava di Silvio Berlusconi, bensi’ del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Anche il quotidiano spagnolo El Pais sottolinea in un articolo del suo inviato all’Aquila gli apprezzamenti di Obama a Napolitano, spiegando che il presidente Usa ha dato prova di “finezza e abilita’ diplomatica”, “con una lezione che e’ stata tanto sottile quanto ferma”. Obama, scrive Miguel Mora, “ha evitato tutti i riferimenti diretti al primo ministro accusato per gli scandali della prostituzione” ed ha ricevuto “una ovazione delle forze di sicurezza e di soccorso tra le rovine del terremoto”. Secondo El Pais, esprimendo apprezzamento per il presidente Napolitano, che “rappresenta nel migliore dei modi” l’Italia, Obama ha voluto utilizzare “una forma indiretta e squisita per marcare le differenze democratiche e morali”.

Il britannico Guardian, invece, torna questa mattina sulla polemica con Berlusconi e il ministro degli Esteri Frattini, che hanno parlato di “piccolo giornale”, auspicandone “l’espulsione dal gruppo dei grandi giornali del mondo”, e sottolinea che
critiche all’organizzazione del summit all’Aquila sono state espresse anche dal prestigioso New York Times. E cosi’ il Guardian ironizza: “Se il New York Times non si qualifica come un ‘grande’ giornale, allora questo dovrebbe essere un club davvero esclusivo”.

rai news 9 luglio 2009

Nuove foto Villa Certosa: per il G8 tremano la terra e Berlusconi (tutti gli articoli)

https://i1.wp.com/www.politicalive.com/wp-content/uploads/2009/06/el-pais.jpg

Times, un bacio saffico imbarazza Berlusconi: la descrizione della foto

————————————————————————————————-

Times: Nuove foto Villa Certosa prima del G8

————————————————————————————————

Nuove foto Villa Certosa: Bacio saffico davanti al premier?

————————————————————————————————

NUOVI SCATTI VILLA CERTOSA: STAMPA ESTERA MORBOSA COL PREMIER

————————————————————————————————————-

G8: CHI SARA’ LA FIRST LADY PER L’ITALIA?

Villa Certosa, Foto proibite: Due scatti a luci rosse incombono su G8

Leggi l’articolo: Foto Villa Certosa:Due scatti a luci rosse incombono sul G8

——————————————————————————————————————–

Berlusconi:”L’opposizione è un morto che cammina”. Solo l’opposizione?

https://i2.wp.com/www.cinezoo.com/vhs_usate/images/La_notte_dei_morti_viventi.jpg

LEGGI L’ARTICOLO

G8 A L’AQUILA, ALL’OMBRA DI GIULIANI

https://i0.wp.com/img.youtube.com/vi/t1nKz1r42V8/0.jpg

PREMIER: “Inoltre, ha osservato, fra i temi nell’agenda del G8 c’è anche quello della prevenzione delle catastrofi naturali e dunque “quale sede è più appropriata di una terra ferita da un terremoto?”

G8, l’annuncio di Berlusconi: “E’ deciso, si farà a L’Aquila”

G8, l’annuncio di Berlusconi: “E’ deciso, si farà a L’Aquila” Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, e il ministro dell’Economia Giulio Tremonti durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri

Una decisione che il premier e il commissario del G8 Guido Bertolaso (è stato lui a proporre l’idea al premier) meditavano da qualche giorno, ma che nessuno – al di fuori di una ristrettissima cerchia di persone – sapeva. Nemmeno i ministri che sono stati informati direttamente in Consiglio dei ministri dallo stesso Berlusconi

Il G8 non sui farà più a La Maddalena, ma a L’Aquila. La decisione è stata annunciata dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, che in questo modo vorrebbe risollevare l’immagine di una città in ginocchio a causa del terremoto. Una decisione che il premier e il commissario del G8 Guido Bertolaso (è stato lui a proporre l’idea al premier) meditavano da qualche giorno, ma che nessuno – al di fuori di una ristrettissima cerchia di persone – sapeva. Nemmeno i ministri che sono stati informati direttamente in Consiglio dei ministri dallo stesso Berlusconi: penso sia giusto portare qui il summit, ha detto il premier ai membri del governo che, in occasione del varo del decreto sul terremoto, erano riuniti proprio nel capoluogo abruzzese. Altrettanto rapido e senza obiezioni il via libera da parte del governo che ha subito approvato la proposta del premier.

E’ stato lo stesso Berlusconi, poco dopo, in conferenza stampa, a spiegare le ragioni che lo hanno spinto a preferire l’Abruzzo alla Sardegna nonostante i lavori sull’isola siano partiti mesi fa. In primo luogo, ragioni economiche: i 220 milioni necessari a ospitare il summit, ha detto, potranno essere usati per la ricostruzione delle zone terremotate, mentre le eventuali strutture necessarie potranno restare ed essere sfruttate per altri scopi. Tra l’altro, ha aggiunto riferendosi alla caserma della Guardia di Finanza, “abbiamo la fortuna di avere questa scuola che ha tutti gli ambiti possibili per accogliere i capi di stato, le delegazioni e i giornalisti”. Inoltre, ha osservato, fra i temi nell’agenda del G8 c’è anche quello della prevenzione delle catastrofi naturali e dunque “quale sede è più appropriata di una terra ferita da un terremoto?”.

Giovedì 23 aprile 2009 20.57

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: