PD, BERSANI PAZZO PER CASINI, FASSINO PAZZO PER GALAN (PDL)

https://i1.wp.com/3.bp.blogspot.com/_Ek9g9VezLds/SRlL1pk9oNI/AAAAAAAANVc/J06l6FhtK7k/s320/simpsons+gay4.jpg

Fassino corteggia Galan: «Il Pd è pronto,
in Veneto una nuova fase con il Pdl»

Mano tesa al governatore: «Ma la prima mossa deve farla lui»
Altolà dei democratici veneziani: «La linea la decidiamo noi»

ROMA (20 agosto) – «Non voglio giocare per perdere. E non ci sto a dare per scontato che Lombardia e Veneto siano terre straniere per il Pd». In vista delle regionali 2010 Piero Fassino sollecita i democratici a nuove strategie rilanciando la proposta al governatore del Veneto: «Siamo pronti ad aprire una pagina nuova – assicura l’ex segretario Ds intervistato da Repubblica – ma la prima mossa spetta a Galan».

Il punto, ragiona Fassino, è che le prossime regionali saranno «uno spartiacque, noi governiamo oggi la maggior parte delle regioni ma se loro sfondano il quadro politico cambia radicalmente». Fassino non sottovaluta affatto il pressing leghista di queste settimane («Sbaglia chi derubrica le sortite di Bossi come puro folklore ferragostano»), tutt’altro: «C’è un filo che unisce le varie proposte del Carroccio e questo filo conduce a una separazione del Centronord dal resto del Paese».

Bossi è «uomo che ha fiuto» e ha colto che «in una parte larga della società del Nord – insiste Fassino – il disagio si va trasformando in un sentimento di estraneità all’Italia e al suo modo di essere. Si va radicando la convinzione che da soli si possa vivere meglio». Un disagio vero, «i nodi della questione settentrionale – dice il democratico – esistono sul serio», e dunque il Pd «deve ascoltare la domanda di autonomia che viene dal Nord».

Ma in Veneto e Lombardia, osserva Fassino, «non ci basta riproporre il centrosinistra classico perché il differenziale di voti è enorme». Di qui la mano tesa a Galan: «Non penso a un’alleanza tra noi e il centrodestra», ma di fronte al conflitto tra Pdl e Lega «è nostro dovere, viste le condizioni di partenza, andare a vedere se sono solo scaramucce tattiche oppure ci sono differenze reali che possono dare luogo a scenari non ancora ipotizzabili».

Fredda la reazione del Pd locale. «Sulle alleanze per il Veneto e, tanto più su Venezia, il Pd locale non si fa dettare la linea da nessuno dei dirigenti romani». È secca la replica del segretario del Pd di Venezia Gabriele Scaramuzza, che rivendica senza mezzi termini la piena autonomia del Pd Veneto sulle alleanze per le prossime elezioni regionali. «La Birmania a Fassino, il Veneto al Pd di questa Regione», afferma sarcastico Scaramuzza, che ribadisce con forza «il primato sacrosanto delle scelte effettuate dai livelli regionali e provinciali del Pd per la costruzione di una proposta coerente e convincente alle elezioni del 2010».

«Il Pd dovrà raffinare nelle prossime settimane una propria idea forte per il governo della Regione – sottolinea il segretario provinciale di Venezia – che parta prima di tutto dai problemi veri e reali delle nostre genti», e fra i potenziali alleati indica «le forze tradizionali del centrosinistra, l’Udc e i molti movimenti civici». «Se Galan volesse rompere il proprio legame con il PdL e convenire su questa nostra proposta, spetterà a lui deciderlo», sottolinea infine Scaramuzza, che avverte: «È così che costruiremo, in solida e convinta autonomia, le nostre alleanze, e non a partire da schemi precostituiti più o meno “benedetti” da Roma. Questo – conclude – semplicemente per rimanere coerenti ai principi federativi di cui si è voluto intessere il Pd».

Calearo (Pd): l’asse col Pdl al nord non va escluso. D’accordo con l’apertura a Galan fatta da Fassino, Massimo Calearo, ex presidente di Federmeccanica e parlamentare del Pd, va oltre e non esclude l’ipotesi di una “grosse koalition” per il Veneto qualora fosse proposta dal Pdl. In una intervista a Libero Calearo spiega che «alle Regionali non va fatto un discorso di alleanza a prescindere ma di programmi, persone e sistema».
Se Galan si sganciasse dal Pdl sarebbe più facile l’alleanza? «Galan rifarà il governatore pur essendoci leghisti capacissimi di governare la Regione come Luca Zaia o Flavio Tosi» questo perché «a Bossi darebbe fastidio un governatore leghista forte sul territorio».

Rizzo (Comunisti): il Pd vuole il potere a tutti i costi. «Fassino, con la scelta di aprire a Galan “tentandolo” svela la via del Pd, quella del potere a tutti i costi. Così invece non vinceranno mai. Serve un progetto alternativo a Berlusconi non chiedere ad un suo uomo di saltare il fosso. Questaè una politica da “straccioni” che terrà in sella il Cavaliere per altri 100 anni». Lo dice Marco Rizzo, segretario di Comunisti-sinistrapopolare.

ARTICOLI CORRELATI:

Bersani:”No all’antiberlusconismo sciocco”

Annunci

Assemblea PD: Riuniti per scongiurare l’estinzione

panda-assemblea

(Assemblea PD, secondo Rutelli un partito a rischio estinzione)

Di Wildgreta

E’ cominciata l’assemblea del PD e ora che nessuno può più prendersela con Veltroni (anche giustamente), si avverte nell’aria un certo smarrimento. “E ora cosa facciamo?” Ma ecco cosa stanno dicendo o hanno appena detto i”  big” del PD. Un consiglio a Rutelli: Qualora il PD dovesse estinguersi, le responsabilità sarebbero da cercare anche in quelli come lui e la Binetti.

PD:PD: CINQUE INTERVENTI PRO FRANCESCHINI, CINQUE PER PRIMARIE continua a leggere

ASSEMBLEA PD: RUTELLI SI APPELLA AL WWF

Veltroni è a New York: nel dubbio avrà preso un volo Alitalia solo all’andata?

di Wildgreta

Oggi qualche giornalista si domanda come mai il “capo dell’opposizione” (?) si trovi casualmente in America mentre l’Alitalia affonda. Ci siamo accorti tutti che non c’è, solo perchè in televisione ci vanno Bersani e Fassino, mentre  qualche intervista la rilascia  Bettini. Proprio la sua assenza e il ritorno di Bersani e Fassino mi ha fatto notare la differenza fra il loro modo di fare politica. Leggi il seguito di questo post »

Sanità in Abruzzo, Angelini tira in ballo Fassino, Forza Italia e i servizi segreti

Incidente probatorio per il grande accusatore di del turco
Sanità in Abruzzo, Angelini tira in ballo Fassino, Forza Italia e i servizi segreti
«Proteggeva i miei avversari». La replica: «Cercano di coprire i 500 mila euro a Forza Italia» Leggi il seguito di questo post »

Prima giornata della legalita’: 11 ottobre piazza Navona, al via i referendum

Intervista pubblicata su Il Riformista dove  Antonio di Pietro risponde ad alcune domande sull’appuntamento dell’11 ottobre a Piazza Navona per l’apertura della campagna referendaria contro il Lodo Alfano.

piazza_nav1.jpg

Manifestazione 8 luglio 2008 piazza Navona

Il Riformista: Onorevole Di Pietro, di nuovo a Piazza Navona, quindi.
Antonio Di Pietro: Ebbene si. L’11 ottobre ci sarà il grande evento di apertura della nostra campagna referendaria “Salva premier 2008”. E’ il primo giorno utile per la raccolta delle firme. L’iniziativa ha già un nome: sarà “la prima giornata della legalità”. Leggi il seguito di questo post »

Intercettazioni: le telefonate celebri di potenti e furbetti.

 Potenti e furbetti, le tante vittime del Grande Orecchio

Note di Wildgreta:

In questo articolo l’autore ha dimenticato le telefonate di Berlusconi che, comunque, trovate qui

MARIO AJELLO Roma. Ci sono dei versetti di Stefano Bartezzaghi che fanno così: «Mi hanno messo una pulce nell’orecchio./ Ho una cimice dentro all’apparecchio./ La mosca salta al naso. I tarli mi hanno invaso». Dura, tremenda, insopportabile, insomma, la vita dell’intercettato. Secondo il ministro Alfano lo siamo quasi tutti. E comunque la legge delle intercettazioni non è uguale per tutti: ci sono gli intercettati semplici e gli intercettati celebri, i simplex e i vip. Molti di questi che, poveretti, sono caduti nella trappola del Grande Orecchio hanno anche regalato a quell’impiccione frasi cult, espressioni storiche, veri e propri slogan. Del tipo: «Abbiamo una banca», come disse Fassino a Consorte. Consorte chi? «Ah, lei è Consorte?», scherza D’Alema, sempre nei verbali delle registrazioni balzate fuori nell’agosto del 2005, quello delle scalate bancarie, parlando con l’amico di Unipol: «Quel Consorte di cui parlano tutti i giornali?». Oppure la vittima del Grande Orecchio è l’allenatore di calcio, il Mancio cioè Roberto Mancini, pizzicato in conversazioni con un tipo losco, col rischio di mandare in fumo lo scudetto che i nerazzurri stavano per agguantare e proprio si trattò, mai come in quel caso, di Inter-cettazioni. Leggi il seguito di questo post »

PD: PRESENTATO GOVERNO OMBRA.THE BABY IS BORN

(foto Bob Kennedy neonato)
Nel governo ombra del Pd ci sono Piero Fassino (Esteri), Marco Minniti (Interno), Pierluigi Bersani (Economia), Enrico Letta (Lavoro, salute e politiche sociali), Matteo Colaninno (Sviluppo Economico), Lanfranco Tenaglia (Giustizia). Questi i nomi dei ministri-ombra piu’ significativi, presentati in una conferenza stampa dal leader del Pd, Walter Veltroni, che presiede il governo-ombra. Assenti big come Massimo D’Alema, Arturo Parisi, Beppe Fioroni. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: