Terremoto, Piano C.A.S.E.: Chiodi cambia idea, da “fallimento” a “risultato incredibile”

29 settembre- CHIODI, ALL’AQUILA INCREDIBILI RISULTATI

12 agosto-Il Presidente Chiodi a L’Aquila: “devo ammettere il fallimento del piano C.A.S.E.”

di Marco Sebastiani

Ancora una volta i comitati cittadini incontrano le istituzioni locali. Ancora una volta per cercare di fare il punto della situazione e ribadire l’importanza della partecipazione dei cittadini aquilani terremotati alle scelte che devono essere fatte per una ricostruzione che diventi un’opportunità per la città e non la sua tomba.

L’incontro si è svolto nella serata di lunedì 10 agosto, ultimo giorno disponibile per la consegna del modulo per l’assegnazione dell’alloggio temporaneo, nel parco Unicef di via strinella a L’Aquila, sede del comitato cittadino 3e32, un posto sempre più reale e importante, piazza e palcoscenico di una cittadinanza attiva e responsabile che chiede a gran voce di essere protagonista del proprio futuro. A rispondere alle domande di un centinaio di aquilani il presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi. Al dare il via all’incontro, che si è protratto fino a notte fonda, è stato il portavoce del comitato “Associazione ricostruiamo l’Aquila” Pietro, che ha rapidamente ripercorso gli eventi che hanno spinto molti cittadini aquilani terremotati a costituirsi in comitati, come la delusione per il decreto 39, punto di partenza per la ricostruzione ora convertito in legge, o la campagna promossa da tutti i comitati per il 100% ricostruzione del danno subito dal sisma, 100% trasparenza da parte delle istituzioni e Protezione Civile, 100% partecipazione dei cittadini alle scelte fatte sulla loro pelle nel loro territorio. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Voto in Abruzzo, crolla l’affluenza

 

Si eleggono il successore di Del Turco in Consiglio Regionale .Oggi urne aperte fino alle 15

PESCARA
Calano decisamente i votanti alle elezioni regionali in Abruzzo, con un’affluenza inferiore di 16 punti percentuali abbondanti rispetto al 2005 nella prima giornata di voto: alla chiusura dei seggi delle 22 di ieri ha votato solo il 34,9% degli aventi diritto contro il 51,7% registrato di tre anni fa, in un contesto peraltro ben diverso. Oggi urne aperte fino alle 15. Complice il bel tempo e il clima prenatalizio, evidentemente molti elettori hanno preferito una gita fuori città e un giro per i negozi, forse anche ripensando alle vicende giudiziarie che hanno portato ad anticipare le elezioni di quasi due anni.

Leggi il seguito di questo post »

Berlusconi: “Basta con la politica politicante”. Obama non avrebbe saputo fare di meglio e, forse, lo invidia

Berlusconi: “E’ finito il tempo della politica politicante” (?)

di Wildgreta

Finalmente abbiamo capito chi ha insegnato alla Gelmini ad inventare termini nuovi. Dopo il “basta con il daltrapartismo” e il piùsoldismo” di quel pozzo di cultura della Gelmini, arriva il maestro a coniare una frase che, certamente, resterà nei libri della storia politica italiana: Basta con “la politica politicante”. Obama, non avrebbe saputo fare di meglio e, forse, lo invidia.

Ed ecco che Berlusconi, alle prese con la campagna elettorale in Abruzzo, non trova strategie migliori che attaccare Di Pietro a casa sua. IDV è l’unico partito a non essere stato toccato dallo scandalo in Abruzzo tra quelli che sono in parlamento? E io dico che Di Pietro è violento, tiè.

 Ma la perla è quella sulle alleanze, che sarebbero “vecchia politica”, sì bisogna fare il partito unico, con il programma unico, naturalmente dopo aver varato il Maestro Unico, altrimenti come si fa? E così, anche di sabato, Berlusconi è riuscito a farci fare quattro risate, senza risolvere nessuno dei problemi del paese.
Silvio BerlusconiL’alleanza tra Idv e Pd “e’ un’alleanza da vecchia politica, con Di Pietro che spadroneggia e gli altri partiti che si inginocchiano davanti alla sua irruenza”.

Lo ha detto Silvio Berlusconi nel corso della campagna elettorale in Abruzzo. Il premier ha aggiunto: “Di Pietro e’ un uomo di violenza, il contrario di cio’ che dovrebbe essere un uomo politico di cui l’Italia ha bisogno”.

“Non e’ vero che io abbia posto veti. Non mi risulta che ci fossero patti e tantomeno patti siglati”. Cosi’ il premier Silvio Berlusconi, all’inizio del suo tour elettorale in Abruzzo per sostenere il candidato del Pdl Giovanni Chiodi, contesta l’esistenza di patti con l’Udc. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: