Nidi privatizzati, Pedica (Pd) attacca il commissario: non scherziamo

pedica

Non scherziamo. In due parole la sintesi dell’attacco che Stefano Pedica (Partito democratico) sferra al commissario di Roma Capitale riguardo l’intenzione del Campidoglio di arrivare alla privatizzazione degli asili nido di Roma. “Non si gioca né con i bambini né con i lavoratori”, dice Pedica, sempre presente sui temi scottanti della sua città. Francesco Paolo Tronca “lasci stare l’idea di mettere sul mercato i servizi comunali o faremo le barricate”.

Di Berardino (Cgil): “Il commissario Tronca non si è confrontato con le parti sociali”

“Il sistema infanzia funziona”. “Non si possono penalizzare le famiglie più disagiate e tanti operatori che già faticano ad arrivare alla fine del mese”, aggiunge l’ex parlamentare dem. “La Capitale ha i suoi sistemi. Con tutti i suoi problemi” Roma ha un “sistema infanzia” che “funziona ed è differente da quello, seppur funzionante, di Milano. Ci sono state – dice Pedica – delle lotte per i posti di lavoro e per l’assistenza professionale al fine di garantire la sicurezza e l’educazione dei bambini”.

Il ‘no’ della Cgil Roma e Lazio. Contro la privatizzazione dei nidi si schiera anche il segretario generale Cgil Roma e Lazio, Claudio Di Berardino: “C’è un problema di metodo e di merito”, dice il sindacalista. “È un metodo che non mi sarei aspettato da un commissario come Tronca, perché se è vero che è super partesavrebbe dovuto confrontarsi con le parti prima di stilare il piano, cosa che non ha fatto. In questo momento – conclude Di Berardino – mi sembra fuori luogo perché può aggravare la condizione sociale e lavorativa delle famiglie romane”.

FONTE:http://www.romapost.it/nidi-privatizzati-pedica-pd-attacca-il-commissario-non-scherziamo/

Manovra Monti, Camusso : “Un governo tecnico non può riformare le pensioni”

La Camusso attacca: “Pensioni riformate ma un governo tecnico non può farlo”
ll segretario della Cgil, alla manifestazione dei sindacati davanti a Montecitorio contro la manovra, critica l’intervento del governo sulla previdenza: “Per fare le grandi riforme bisogna avere un ampio mandato e consenso elettorale”

18:11 – “Non siamo di fronte a una richiesta di rigore sui conti, ma di un cambiamento strutturale del sistema pensionistico, cosa che un governo tecnico non può permettersi. Per fare le grandi riforme bisogna avere un ampio mandato e consenso elettorale”. Il segretario della Cgil Susanna Camusso, alla manifestazione dei sindacati davanti a Montecitorio contro la manovra, critica l’intervento del governo Monti sulla previdenza. Leggi il seguito di questo post »

Terremoto: Perchè in Abruzzo l’esecutivo sta sbagliando

terremoto-abruzzo

di Wildgreta

Berlusconi accetta solo aiuti in denaro, ma scoraggia altre forme di collaborazione come squadre specializzate, di volontari provenienti dall’estero o estranee alla Protezione Civile.  Eppure in alcune zone i soccorsi si sono visti solo dopo 48 ore e molte persone tuttora non hanno un posto in tenda e sono costretti a dormire  in macchina. In pratica tutto deve essere gestito dalla protezione civile, anche se magari non riesce ad arrivare ovunque nello stesso momento e, quindi, molte persone restano al freddo, con i bagni chiusi di notte e con le tende che non bastano. E allora? Ci deve essere qualcosa che ci sfugge se in tutti i tg non si fa altro che magnificare l’organizzazione perfetta, e gli aiuti italiani più che sufficienti alle necessità degli sfollati. Ogni tanto, però, qualche servizio di taglio diverso fugge dalle maglie strettissime della comunicazione filogovernativa e, attenzione, la mia non è voglia di fare polemiche  a tutti i costi, ma solo ricerca della verità. Se un’intera zona è stata raggiunta dai soccorsi solo stamattina, come mai nessuno lo aveva detto? Ecco, allora, che si capisce meglio il senso della dichiarazione della segretaria confederale Cgil, Paola Agnello Modica, che potrete leggere di seguito.

La segretaria confederale Cgil, Paola Agnello Modica: la protezione civile accolga gli aiuti, le scuole devono riaprire subito. No alla “new town” di Berlusconi. E il governo cambi il piano casa: “La prima opera pubblica è la sicurezza del territorio”
Leggi il seguito di questo post »

Manifestazione 4 APRILE, un successo che Brunetta definisce “Innocua Scampagnata”

https://i0.wp.com/www.cgil.mantova.it/cdl/images/Download/4aprile2009/4aprile.jpg

La volgarità al potere

di WIldgreta

Brunetta è stato uno dei ministri più bersagliati durante la manifestazione della CGIL. Ma bisogna dire che è anche il più volgare nel definire le categorie contro cui ha centrato la sua battaglia moralizzatrice. Ci sarebbe da chiedergli come mai la morale debba riguardare solo alcune categorie di lavoratori e non anche la classe politica nel suo complesso, ma questo sarebbe troppo. E così oggi conia “l’innocua scampagnata” per descrivere un evento che radunato a Roma migliaia di lavoratori  giunti  da tutta Italia. Peccato, che lui come  Sacconi (“è come manifestare contro la pioggia”), abbiano  nuovamente perso un’occasione per dire, finalmente,  qualcosa di intelligente.

Di seguito i link ad alcuni articoli interessanti sulla manifestazione:

MANIFESTAZIONE CGIL 4 APRILE: CRONACA, VIDEO, SLOGAN

Brunetta: «Corteo della Cgil?
Una scampagnata che non fa male»

Epifani: «Il governo si dia una sveglia»
Franceschini: «Il Pd sta con i lavoratori»

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: