DDL INTERCETTAZIONI:LE PROTESTE NON FERMANO LO SCEMPIO

DI WILDGRETA

Parlavano di sicurezza, volevano rendere le nostre città e le nostre vite più protette, ed ecco che in un solo colpo il governo dà il via libera a mafiosi, pedofili, delinquenti col colletto bianco, con l’autista o con la pistola. La pagina più nera di una democrazia, che forse non esiste nemmeno più dal giorno in cui la destra ha vinto le elezioni. Ma, come dice Berlusconi, “continuano a votarci, quindi andiamo avanti”. Come dargli torto? E invece si può dargli torto, pensando che avendo in mano l’informazione, la maggioranza degli elettori non sa cosa stia davvero succedendo nel nostro paese e di questo, purtroppo, dobbiamo ringraziare soprattutto i dirigenti del PD, ex DS, che nulla hanno fatto per impedire che accadesse qualcosa che sembra già irreparabile. Chissà se D’Alema, adesso, ha qualcosa da dire in proposito…

Alcuni dei commenti principali in questi articoli:

Stalking: Testo DDL approvato dalla camera

Stalking: via libera della Camera a ddl

29 gen 18:40 Politica

ROMA – Disco verde dell’Aula della Camera al ddl che contiene misure contro gli atti persecutori. I voti a favore del testo sono stati 379, due quelli contrari, quelli dei liberaldemocratici, tre gli astenuti. Il provvedimento ora passa al Senato. Il ddl contro lo stalking introduce nel codice penale il reato di molestie insistenti e lo punisce con una reclusione da sei mesi a quattro anni. (Agr)

Clicca per leggere: Il testo del DDL  Stalking che ora passa al senato

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: