Scandalo rifiuti: emerge dalle intercettazioni una lavorazione fittizia della spazzatura


gli scontri a Chiaiano

Dai capi d’accusa dell’indagine della Procura di Napoli sui rifiuti emerge «un sistema imperniato su una attività di lavorazione dei rifiuti assolutamente fittizia». I rifiuti che uscivano imballati presentavano, secondo i magistrati, «identiche caratteristiche fisico-chimiche» rispetto alla spazzatura d’origine. Dall’inchiesta viene fuori che la frazione umida dei rifiuti non sarebbe stata sottoposta ad alcun trattamento di stabilizzazione, procedura indispensabile per eliminare i cattivi odori e a “igienizzare” la spazzatura. Tempo e denaro sprecati, dunque, per produrre “finte” ecoballe, che in realtà sarebbero state solo spazzatura impacchettata. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: