LA CARFAGNA QUERELA REPUBBLICA:HA RIPORTATO LE “INGIURIE” DELLA GUZZANTI

https://i1.wp.com/www.corriere.it/Fotogallery/Tagliate/2008/07_Luglio/08/PROT/49.JPG

FOTO MANIFESTAZIONE 8 LUGLIO 2008-ROMA-FONTE: CORRIERE.IT

DI WILDGRETA

Il ministro Carfagna deve aver pensato che la vendetta è un piatto che va consumato freddo, anzi gelato.Infatti è passato un anno da quel famoso No Cav Day, in cui Sabina Guzzanti lanciò dal palco di piazza Navona la sua invettiva contro le donne che diventano ministro non per meriti politici.Anche la Guzzanti, in realtà, non fece altro che riprendere il contenuto di un articolo pubblicato da un quotidiano spagnolo e, quello era il momento clou del presunto scandalo delle intercettazioni hard di cui L’Espresso aveva annunciato la pubblicazione. La pubblicazione non arrivò mai, ma ne parlò tutta la stampa. E allora, perchè mai, Repubblica avrebbe dovuto ignorare l’intera questione? Non è dato a sapersi.Ma se chi ha ingiuriato il ministro Carfagna è Sabina Guzzanti, come mai il ministro querela Repubblica che ha solo riportato le sue parole? Anche questo è un mistero.L’ipotesi più probabile, è che a qualcuno sia sembrato opportuno ingrossare il numero delle querele ai giornali per non sentirsi troppo solo e far apparire alcuni quotidiani come  strumenti lesivi della dignità altrui. “Non solo hanno scritto che il premier aveva problemi di erezioni, ma anche che il ministro Carfagna era….”

E’ solo un’ipotesi, naturalmente. Comunque, in questo articolo troverete tutte “le frasi ingiuriose” e devo dire che, rileggendole, forse se fossi stata il ministro Carfagna, avrei preferito non ricordarle al mondo. (Molti di noi le avevano già dimenticate)

CARFAGNA QUERELA REPUBBLICA:”HA RIPORTATO FRASI INGIURIOSE”

G8: CHI SARA’ LA FIRST LADY PER L’ITALIA?

Paolo Guzzanti:”In Parlamento ci mandano un sms per dirci quando arrivare, quando uscire o andare in bagno”

Governo/ Guzzanti: Gelmini, Carfagna e altri sono circolo amicale.Tutti i ministri seguono rigido copione voluto da Berlusconi

Roma, 9 nov. (Apcom) – Maria Stella Gelmini, Mara Carfagna e altri sono diventati ministri “in quanto appartengono a un circolo amicale”. Paolo Guzzanti risponde così a Lucia Annunziata che nella trasmissione ‘In mezz’ora’ gli chiede di esprimere un parere sugli esponenti dell’esecutivo dopo lo scontro avuto con la ministra delle Pari Opportunità. Leggi il seguito di questo post »

Guzzanti: “Contro la Carfagna porto i testimoni in tribunale.” Chi ha visto i testi delle intercettazioni?

Guzzanti: le intercettazioni hard, il Ministro Carfagna e le querele

Dopo la richiesta di danni alla figlia Sabina ora tocca al padre
Il ministro Carfagna querela Guzzanti
Nel mirino le frasi sul blog: «Calendarista alle pari opportunità, inadatta. Una nomina di scambio»

Guzzanti risponde ad un lettore che gli chiede se le “nomine di scambio” fossero più d’una: “Per quel che ne so, dai testi oculari, più di una.

di Wildgreta

Volevo assistere con i miei occhi  a questo risveglio improvviso di Paolo Guzzanti ma sono arrivata troppo tardi: il sito è inaccessibile. Con la copia cache egirando un po’ in rete sono riuscita a trovarei pezzi più importanti, eccolI:

DAL BLOG: www.paologuzzanti.it

NON PARLIAMO DELLA SIGNORINA MARA CARFAGNA, CALENDARISTA DALLE PARI OPPORTUNITA’, MA….
2 Novembre 2008 Leggi il seguito di questo post »

Il disegno di legge Carfagna rende le prostitute prigioniere


Mercoledi’ 15 ottobre 2008

Trovate le generalità della prostituta investita Si chiamava James Loveth, aveva 24 anni ed era arrivata in Italia 4 mesi fa

«Esprimiamo vivo cordoglio per la donna nigeriana che a Bari venerdì scorso è morta investita da un’auto, mentre cercava di scappare dalla polizia. Non si tratta di una prostituta, bensì di una prostituita».

E’ quanto dichiarano le deputate pugliesi, tra cui Anna Paola Concia, e due ex ministre del Partito Democratico, Livia Turco e Barbara Pollastrini. Leggi il seguito di questo post »

Cultura: “Stelle a destra” il capolavoro di M.Carfagna

Condoleezza Carfagna

IL SUPERMINISTRO
Le donne e la politica nel libro della Carfagna

Carfagna: Condoleezza Rice agli esordi venne accolta con sufficienza. Ebbene, la stessa imbarazzante situazione si ripete spesso anche nelle convention nostrane».

di Wildgreta

C’è già un’attesa febbrile per l’imminente uscita di quello che si annuncia il bestseller dell’anno”Stelle a destra” (ideale sottotitolo ” E Stalle a sinistra”) La casa editrice che ha vinto quella che si può definire una vera e propria gara fra editori, è la Aliberti di Reggio Emilia distribuita da Rcs MediaGroup . La Aliberti si è già distinta per la pubblicazione del libro della show girl Maria Monsè (moglie del salernitano Salvatore Paravia) su come tornare in forma dopo il parto. E, ciliegina sulla torta, la Aliberti ha pubblicato anche l’ultimo libro del ministro Sandro Bondi, questa volta scritto con C. Sabelli Fioretti, “Io, Berlusconi, le donne e la poesia”: Sul volume ” Stelle a Destra” in vendita a soli 16 euro (davvero un prezzo popolare) sono trapelate pochissime indiscrezioni. Bocche cucite anche al Ministero delle Pari Opportunità. Neppure i portieri ne sanno nulla. Vorrà dire che dovremo aspettare ancora un po’. Coraggio. Per ora credo sia degno di nota il fatto che , mentre la crisi finanziaria avanza, in Italia c’è ancora chi scommette sulla cultura e questo, per l’azienda-paese, è già di per sè un grande segnale di speranza. La speranza dell’imminente ripresa dell’economia mondiale fortemente voluta da Berlusconi.

.Io, Berlusconi, le donne, la poesia

Articolo da La Città di Salerno:

Il volume è già pronto e si intitola “Stelle a destra”
di Clemy De Maio Leggi il seguito di questo post »

Sabina Guzzanti, la Carfagna chiede un milione di danni. L’attrice: «Bella donna ma che tariffe»

ROMA (9 ottobre) – Questa mattina Sabina Guzzanti si è vista recapitare a casa l’attesa citazione dal ministro delle Pari opportunità Mara Carfagna, che ha querelato l’attrice per le frasi pronunciate nei suoi confonti nella manifestazione di luglio in piazza Navona.A renderlo noto è stata la stessa Guzzanti, che sul suo blog ha spiegato che il ministro «ha optato per una causa solo civile» (e dunque non per diffamazione) e chiede «un milione di euro». Ma ora, aggiunge l’attrice, dopo le dichiarazioni rilasciate ieri dalla Carfagna a Matrix, «posso farle causa anch’io».

Mercoledì sera il ministro, ospite di Enrico Mentana, aveva infatti descritto in questo modo l’attrice: «Non mi sembra una persona solida. Mi sembra fragile anche mentalmente». E ancora: «La signora Guzzanti mi fa compassione. Sarei disposta a ritirare la citazione se avesse la sensibilità di scrivere due righe di scuse ma non credo che lo farà. Lei ha costruito un pezzo della sua carriera sull’insulto».

Per tutta risposta, oggi la Guzzanti scrive che i contenuti della citazione «sono tutto materiale per sketch satirici: si sostiene nell’atto che io abbia partecipato a una manifestazione dichiaratamente antigovernativa, come se questo fosse un’aggravante o una cosa anormale. Si sostiene che avrei dovuto parlare anche delle sue capacità, non ha nemmeno capito che non era lei l’oggetto del discorso».

Per la Guzzanti, «l’atto di citazione cerca di introdurre un precedente pericoloso. Cioè che la satira debba stare entro certi limiti che l’atto di citazione stabilirebbe diventando più che una citazione una proposta di legge». Il ministro «chiede niente popò che un milione di euro. Bella donna – commenta la Guzzanti – ma che tariffe! Naturalmente – aggiunge – dopo le dichiarazioni di ieri posso farle causa anch’io, con la differenza che mentre i miei giudizi su di lei sono fondatissimi i suoi su di me sono assolutamente gratuiti».

Leggi il seguito di questo post »

Matrix/ Carfagna: Guzzanti una poveraccia fragile mentalmente. E chi ha detto che nelle intercettazioni il suo nome usciva, eccome? Non le ha mai parlato

Mara Carfagna si informa

Mara Carfagna: la Guzzanti? Mi fa pena

ROMA (8 ottobre) – «La signora Guzzanti mi fa compassione: poveraccia, non mi sembra una persona solida. Mi sembra fragile anche mentalmente». Lo ha detto il ministro per le pari opportunità, Mara Carfagna, intervistata da Enrico Mentana a Matrix, riferendosi alle frasi che la comica Sabina Guzzanti ha pronunciato nei suoi confronti nella manifestazione organizzata a luglio a Piazza Navona. Leggi il seguito di questo post »

Alemanno ordina multa a prostitute con minigonna . Suor Bonetti:”Multe e carcere non aiutano”

di Gay.it
Mercoledì 17 Settembre 2008

 
Gay.it - Alemanno ordina multa a prostitute con minigonna cortissima

Un’ordinanza del sindaco di Roma impone multe alle prostitute con gonne troppo corte e ai clienti che contrattano. Ma i poliziotti vanno in crisi: nessuno sa qual è la giusta misura per applicarle.

In attesa che entri in vigore il divieto di prostituzione in strada o in luoghi pubblici previsto dal decreto Carfagna, molti sindaci stanno emanando ordinanze che anticipano il provvedimento della ministra. A Roma, ad esempio, Gianni Alemanno ha disposto multe per i clienti delle prostitute e per le “lavoranti” che operano per strada con vestiti troppo succinti tali da distrarre gli automobilisti. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: