ELEZIONI EUROPEE:RISULTATI DEFINITIVI

Risultati Europee: Proiezioni in continuo aggiornamento

https://i1.wp.com/host.uniroma3.it/uffici/ucre/download/elezioni3.gif

CLICCA QUI:

Europee  proiezioni aggiornate

—————————————————————————————————————————————

EUROPEE RISULTATI UFFICIALI(aggiornamento continuo)

ELEZIONI EUROPEE RISULTATI SARDEGNA (aggiornamento continuo)

Elezioni Europee:Risultati Lazio (aggiornamento continuo)


—————————————————————————————————————–

ELEZIONI NAPOLI: SCHEDA DA MEZZO METRO

elezioni

LEGGI L’ARTICOLO (foto)

Oggi al voto, istruzioni per non sbagliare


Si vota fino domani alle 22
TORINO
Le elezioni avranno luogo dalle 15 alle ore 22.00 di oggi, e dalle ore 7.00 alle 22.00 di domani. Si vota per rinnovare 72 membri del Parlamento europeo, 62 presidenti e consigli di province e sindaci e consigli comunali. Lo scrutinio inizierà a partire dalle 22.00 di domenica 7 giugno per il Parlamento europeo, mentre lo spoglio per le amministrative avrà inizio alle 14.00 di lunedì 8 giugno, dando la precedenza alle schede per le elezioni provinciali, comunali e, eventualmente, circoscrizionali.Cosa portare al seggio
Per poter votare gli aventi diritti dovranno esibire oltre ad un documento di riconoscimento valido, la tessera elettorale personale (Chi l’avesse smarrita può chiedere un duplicato presso gli uffici comunali).

Come si vota

Pubblicato su Europee. Leave a Comment »

Travaglio: Un voto contro ma anche per. Rivoterò per IDV

https://i1.wp.com/www.stefanoprisco.eu/wp-content/uploads/2008/10/marco-travaglio.jpg

Un voto contro ma anche per di Marco Travaglio (da Micromega 3/2009)

Rivoterò per l’Italia dei Valori, come già nel 2006 e nel 2008. E per gli stessi motivi delle ultime due elezioni politiche. Ma con l’aggiunta di due nuovi. Quelli vecchi: com’era facile prevedere, il partito di Di Pietro – per quanto ancora troppo “personale” e poco collegiale e scarsamente selettivo in alcune scelte di classe dirigente, specialmente a livello locale – è l’unica reale opposizione presente in Parlamento contro il regime berlusconiano. Il solo partito che si sia davvero battuto nelle aule parlamentari contro il cosiddetto Lodo Alfano e le altre leggi-vergogna (ammazza-intercettazioni e bavaglio alla stampa in primis), contro lo scandalo Cai-Alitalia, contro le nuove minacce a quel che resta della libertà d’informazione. Ma anche per un’altra causa che ritengo fondamentale per la storia di questi anni: la richiesta di verità sulla fogna politico-giudiziaria di Catanzaro, che ha inghiottito l’uno dopo l’altro onesti servitori dello Stato come Luigi de Magistris, Gioacchino Genchi, Clementina Forleo e i pm salernitani Apicella, Nuzzi e Verasani, il capitano Pasquale Zacheo (per non parlare di un giornalista coraggioso come Carlo Vulpio). Su questi fronti il Pd ha fatto il pesce in barile, mentre troppo spesso le formazioni della sinistra radicale (con la lodevole eccezione di Claudio Fava e pochi altri) parlavano d’altro. Soltanto una pesante sconfitta del Partito democratico, ancora prigioniero della linea del “dialogo” col regime, cioè dell’inciucio, direi quasi della sindrome di Stoccolma, può accelerare l’azzeramento della classe dirigente del centrosinistra e assicurare all’Italia qualche speranza di uscire dall’incubo. E ora le novità, anzi le piacevoli sorprese. Di Pietro e Leoluca Orlando hanno avviato, modificando lo statuto dell’Idv, uno sforzo – che mi auguro proseguirà con iniziative più stringenti – per trasformare un movimento personale in un partito vero e proprio, con regole interne di completa democrazia e trasparenza, anche nella gestione dei finanziamenti pubblici e della selezione delle classi dirigenti. E poi hanno saputo spalancare le sue liste a esponenti della società civile, al punto da candidare quasi tutti personaggi esterni alla nomenklatura dell’Idv: da De Magistris a Vulpio, da Zipponi a Sonia Alfano, da Brutti a Vattimo, da Tranfaglia a Pressburger, da Arlacchi all’avvocato Pesce a Gloria Bardi. Resta il vizio di qualche candidatura spot di troppo (come la hostess Alitalia) e di un paio di riciclati che si potevano evitare, ma nel panorama italiota si tratta di pagliuzze, non di travi. I sondaggi indicano che molti italiani, anche tra le fasce più scolarizzate, apprezzano. Spetterà a Di Pietro evitare di ricadere negli errori del passato e non deludere i tanti che, prevedibilmente, gli daranno fiducia. Spetterà ai suoi nuovi compagni di strada aiutarlo a non sbagliare di nuovo.

ELEZIONI EUROPEE: PERCHE’ E’ IMPORTANTE ANDARE A VOTARE

ELEZIONI EUROPEE:L’IMPORTANZA DI QUESTO VOTO

Europee 2009, Candidati IDV: Elenco per circoscrizione, Biografia, Siti internet

DI ROBERTA LERICI

Ritengo molto importante questo voto. Gli ultimi avvenimenti che sotto forma di gossip hanno svelato la vera natura del potere, ci dimostrano quanto sia importante invertire la rotta. Ritengo, infatti, che non ci sia alcuna speranza di rinascita per il nostro paese se le regole non cambiano e se la gestione personalistica del potere non viene fermata. Berlusconi ed il suo governo hanno distrutto in pochi mesi tante certezze che tutti noi credevamo incrollabili. Oggi abbiamo una scuola pubblica senza più fondi, una compagnia aerea svenduta a qualche amico, una disoccupazione galoppante, migliaia di esercizi commericali e fabbriche che hanno  chiuso, una crisi economica che non cenna a fermarsi, una crisi dei rifiuti non risolta (i rifiuti in Campania sono stati spostati a Ferrandelle), con una serie di inchieste che hanno portato a decine di arresti. L’informazione è completamente controllata, e milioni di cittadini pagano gli svaghi degli uomini di potere. Berlusconi dice che la gente lo voterà di nuovo perchè forse  pensa che di Noemi non importi nulla a nessuno. Io, invece, credo che Noemi sia il simbolo di un sistema dove ormai tutto è permesso.CONTINUA  A LEGGERE

EUROPEE:LA CANDIDATA PDL LARA COMI CONFERMA RELAZIONE VERONICA

https://i0.wp.com/www.internet-news.it/wp-content/uploads/2009/04/lara_comi.jpg

DI WILDGRETA

Davvero europeiste queste candidate PDL. Preparate e attente all’Europa, chi le voterà avrà la certezza di non mandare a Bruxelles qualcuno che ruba lo stipendio. Dopo il brillante video del suo programma per l’Europa, lara Comi, infatti, si distingue per questa dichiarazione da convinta europeista. Non vediamo l’ora che venga eletta! Ecco la dichiarazione:

“VERONICA, PARLA ANCHE LARA COMI Intanto, sul fronte della presunta love story di Veronica Lario, interviene anche Lara Comi, candidata all’europarlamento con il Pdl. Nel corso della registrazione del programma ‘Speciale Iceberg: “Veronica ha un compagno’, in onda domani su Telelombardia, rispondendo ad una domanda sulla presunta love story della signora Lario, ha detto: “Confermo quanto raccontato al quotidiano ‘Libero’ da Daniela Santanchè. Anch’io, da qualche tempo, sapevo della love story della signora Lario. Ma non voglio parlare di vicende che riguardano la vita privata delle persone. Comunque confermo. In molti sapevano”.

FONTE

Antonio Di Pietro: Aiutatemi a cambiare il Paese

http://sarodist.files.wordpress.com/2008/05/antonio-di-pietro.jpg

Guarda il video

Ieri ho partecipato alla manifestazione “Informare per Resistere” a Palermo insieme a Sonia Alfano, Beppe Grillo, Gioacchino Genchi e Luigi de Magistris.

La Piazza e la Rete erano gremite di cittadini. Parlando ho notato molte facce stupite, emozionate ed incredule di fronte ad alcune mie affermazioni. Non perché non condividessero, anzi, mi hanno più volte applaudito, ma perché forse per la prima volta sentivano campane diverse da quelle dell’informazione di regime.

Qualcosa si sta muovendo, e si muoverà solo recuperando un rapporto diretto con i cittadini, ossia attraverso la Piazza.

Elezioni Europee: Tutti i candidati

BERLUSCONI FISCHIATO ANCHE A ROMA:”SEMPRE I SOLITI FISCHIATORI ORGANIZZATI”

https://wildgretapolitics.files.wordpress.com/2009/01/trionfo_berlusconi.jpg

DI WILDGRETA

Ormai lo abbiamo capito, il “picchetto di fischiatori” di cui parla Berlusconi  si è organizzato e affronta anche le trasferte. Ieri a Napoli, oggi a Roma, domani chissà. Il premier parla di 10 o 12 fischiatori. Qualche giorno fa erano solo 3 che, secondo i giornali, sono stati “subito individuati”. Perchè è vietato fischiare? Hanno fatto un apposito decreto?  Comunque, non parlerei di 10 o 12, visto che a Napoli erano un gruppo piuttosto consistente. Comunque, di Napoli c’è il video, per cui possiamo divertirci a contarli. Poi, speriamo che ci lascino  un recapito, qualora dovesse servire anche a noi un gruppo di “fischiatori organizzati“. L’iniziativa potrebbe allargarsi e  sul web potrebbe trovare terreno fertile. In fondo, se il 25 per cento della popolazione che non approva le iniziative di Berlusconi si mettesse a fischiare, non so, forse passerebbe in secondo piano tutto il resto. Magari qualche psicologo direbbe che, in fondo, il fischio è liberatorio, una sorta di antidoto alla depressione data dalla mancanza di lavoro, soldi o casa. Gli sfollati potrebbero trovarne giovamento per superare il trauma del terremoto…e poi chissà…potrebbero arrivare i grillini a dare supporto perchè fischiano meglio degli altri e sono generosi…poi potrebbero unirsi gli immigrati…quelli  contro il nucleare…i sardi a cui è stato sottratto il G8…i no Tav…i comitati anti-discarica di Chaiano, quelli contro l’inceneritore di Acerra..Insomma, si formerebbe un bel “gruppo di aiuto” e proprio alla vigilia delle elezioni europee…A proposito, è vietato sognare?

Berlusconi: “Mi contestano sempre gli stessi fischiatori organizzati”

Il presidente del Consiglio accusa: “Sono sempre i soliti professionisti, sono presenti dovunque ci sia la consapevolezza del passaggio o di una presenza del premier”. In giornata ha annunciato che potrebbe recarsi Oltreoceano per il primo incontro bilaterale con il leader della Casa Bianca in vista del G8 a L’Aquila dell’8 e 10 luglio. Gli staff di Palazzo Chigi e della Casa Bianca stanno mettendo a punto le agende

02 maggio, ore 19:54

Roma, 2 mag.- (Adnkronos) – “Vedo picchetti di fischiatori organizzati che ormai sono presenti dovunque ci sia la consapevolezza del passaggio o di una presenza del presidente del Consiglio. In modo che cosi’ sui giornali titolano: ‘il presidente del Consiglio e’ stato contestato…'”. Silvio Berlusconi parla ad una conferenza stampa a palazzo Chigi sull’emergenza terremoto in Abruzzo.

In apertura il Cavaliere punta il dito su chi lo ha contestato in questi giorni. Ieri a Napoli, questo pomeriggio a Roma prima di entrare a palazzo Chigi, infatti, il premier e’ stato accolto da applausi e qualche fischio. “Sono sempre i soliti 10-12 professionisti”, avverte il leader del Pdl.

“Noi pensiamo a lavorare” per l’emergenza terremoto in Abruzzo, ha poi aggiunto lanciando una stoccata al leader del Pd Dario Franceschini ma, intanto, “impazza il teatrino della politica. Infatti Franceschini dice che io non posso dormire e non ho un punto di share in piu’ o un punto di vantaggio percentuale nei sondaggi. Ma siccome questo punto in piu’ c’e’ sempre io dormo benissimo…”.

articoli correlati:

Premier Contestato a Napoli: Dai “disoccupati organizzati” ai “fischiatori organizzati”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: