REFERENDUM, QUATTRO SI’: TUTTE LE MANIFESTAZIONI

Referendum, ultimo sprint

Settimana decisiva di mobilitazione per i quattro quesiti: sit-in, concerti, appelli e una catena umana per il quorum e per quattro “sì” nell’urna

di CRISTINA ZAGARIA

Referendum, ultimo sprint ecco tutte le manifestazioni

Appelli on line, catene umane, musica e mostre fotografiche per i quattro sì ai referendum: è partita l’ultima settimana di impegno per i Comitati e i movimenti impegnati contro il nucleare e per difendere l’acqua pubblica.

Da oggi su tutte le bacheche di Facebook gira l’appello: «Fate attenzione a non sovrapporre le schede, perché sono come carta copiativa». Oppure: «Questa persona beve vino, ma difende l’acqua pubblica». Messaggi veloci, video virali e un passaparola incessante per votare “sì” e per vincere la sfida del quorum (il 50 per cento più uno dei votanti) per i quattro quesiti a cui sono chiamati a rispondere gli italiani, domenica 12 e lunedì 13 giugno. Si vota per l’acqua pubblica (due quesiti), contro il nucleare, e sul legittimo impedimento.

Nell’agenda cittadina, invece, martedì 7 giugno alle 17, all’Istituto campano per la storia della Resistenza, dell’antifascismo e dell’età contemporanea “Vera Lombardi”, la rivista “Il Tetto”, l’Associazione “La città possibile”, il Cidi Napoli organizzano un incontro-dibattito per discutere dei referendum. Intervengono: Renato Briganti, Donato Ceglie, Pasquale Colella, Guido D’Agostino, Alberto Lucarelli.

Alle 19 al Kestè Lab si inaugura (in largo San Giovanni Maggiore) la mostra fotografica “Una foto per l’acqua!”, a cura di Eliana Esposito, Luciano Ferrara, Mario La Porta, Pino Bertelli.

Mercoledì 8 giugno appuntamento con “Diamoci una mano”, evento organizzato dal Wwf Campania e da Greenpeace insieme a moltissime associazioni, che si oppongono al ritorno del nucleare in Italia e si battono per l’acqua pubblica. In piazza Trieste e Trento si parte alle 17,30 con un pomeriggio di informazione e testimonianze, ma anche musica, spettacolo e animazione con Bruno Leone e i musicisti di posteggia napoletana. Alle 19 la musica di Pietro Quirino darà il via alla catena di donne e uomini che vuole abbracciare la fontana di piazza Trieste e Trento, il teatro di San Carlo, il Palazzo Reale e piazza Plebiscito e si concluderà al ritmo delle percussioni dei Bungt e Bangt.

Sempre da mercoledì (e fino a venerdì 10 giugno) piazza Bellini diventa “piazza Quattro Sì”, con tre giorni di eventi e informazione sui referendum del 12 e 13 giugno: ogni giorno, dalle 11 del mattino fino a mezzanotte, live musicali e iniziative culturali per creare momenti di aggregazione e di confronto, con gli stand informativi di Legambiente e del Comitato per l’acqua pubblica.

Giovedì 9 giugno (dalle 16 fino a notte): “Ma la notte… Sì! La notte insonne del centro storico per i referendum”. E venerdì 10 giugno (dalle 18 alle 22) in tutto il centro storico (con il fulcro delle iniziative della Rete Commons in piazza del Gesù) “Samba-parade per il centro storico… tingiamo di arancione i referendum”.

(La Repubblica 06 giugno 2011)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: