SILVIO E VERONICA, L’ADDIO DEI RICCHI:A LEI 300.000 EURO AL MESE

Silvio e Veronica, intesa sull’addio: alla Lario 300mila euro al mese

di Redazione

Roma. Di fatto raggiunto l’accordo di separazione con la moglie Veronica Lario, Berlusconi pranza con i figli Marina, Pier Silvio ed Eleonora. Assenti Barbara e Luigi. Un pranzo tradizionale, quello del lunedì ad Arcore con i suoi eredi, durante il quale presumibilmente si sarà parlato della futura divisione dei beni. Una riunione familiare, infatti, che arriva due giorni dopo la lunga udienza di sabato pomeriggio al tribunale di Milano tra il Cavaliere e la consorte.

L’intesa per arrivare a un addio consensuale è quasi perfezionata: a Veronica resta l’usufrutto a vita di villa Belvedere Visconti, a Macherio, oltre a un assegno di mantenimento ben lontano dalla cifra iperbolica richiesta inizialmente dalla Lario. Tre milioni e mezzo al mese, aveva preteso inizialmente Veronica; 300mila euro mensili la controproposta di Berlusconi, diventata poi definitiva. Ci sono ancora dei punti da chiarire, come la quota di spese per il mantenimento della casa di Macherio a carico del premier, ma l’intesa sembra sia stata chiusa con una stretta di mano tra i due. Niente richiesta di separazione con addebito, niente infinite battaglie tra i rispettivi legali: i fratelli Niccolò e Ippolita Ghedini e la patrimonialista Cristina Rossello da una parte, l’avvocato Maria Cristina Morello dall’altra.

La guerra dei Roses è stata scongiurata anche in nome di figli e nipoti. Tutti, sia quelli di primo letto, Pier Silvio e Marina, sia quelli di secondo, Barbara, Eleonora e Luigi. Berlusconi si sarebbe fatto garante proprio sul futuro ruolo nelle aziende di famiglia degli ultimi tre, come strenuamente richiesto dalla loro madre. Uguale trattamento tra i cinque gli eredi, avrebbe intimato Veronica in cambio della deposizione delle armi.

Ecco le posizioni in campo: Marina, 43 anni, due figli (Gabriele e Silvio junior), è presidente Fininvest e Mondadori e siede nei cda di Mediaset e Mediobanca. Pier Silvio è vice presidente Mediaset, consigliere Fininvest e Mondadori, amministratore delegato di Rti e Med Due, Telecinco, Medusa Film e Publitalia e ha una figlia di quasi vent’anni. Poi i figli avuti dalla Lario: Barbara, 25 anni, due figli, laureanda in filosofia, siede nel consiglio di amministrazione di Fininvest e ha dichiarato pubblicamente interesse per le attività editoriali (Mondadori?), con ambizioni che appaiono in contrasto con le responsabilità attuali di Marina. Eleonora, 23 anni, stage in Fininvest, laurea in Economia all’università St. John’s a New York. Infine Luigi, 21 anni, bocconiano, è nel consiglio di amministrazione della Mediolanum. Il grosso del patrimonio di famiglia fa capo a Fininvest, il cui controllo è diviso in holding. In mano a Berlusconi il 61,2%, Marina e Pier Silvio hanno una quota del 7,6% a testa, mentre gli altri tre il 7,1%

il giornale 11 maggio 2010

Annunci

PADRI E MADRI: LA PARITA’ “POSSIBILE”

thomas-thumb.jpg (400×778)

Di Wildgreta

L’uomo raffigurato nella foto è finora l’unico a cui sia riuscito di raggiungere la vera parità con una donna.Certo il percorso è stato un po’ complicato, in quanto quest’uomo prima era una donna che ha deciso di diventare uomo, e che poi ha deciso di fare un figlio. In questi mesi, però,  una sorta di neonato “movimento maschilista” si è affacciato all’orizzonte con l’intento di sovvertire l’idea a suo dire preconcetta, che le donne siano più indifese degli uomini, che abbiano meno diritti di loro e che, soprattutto, subiscano più violenze di loro. Per promuovere la nuova immagine dell’uomo come “parte debole della società “, sono spuntati su internet decine di siti che mirano a dipingere le donne come autentici mostri.

A quali donne si riferiscono? A quelle sposate e con figli.Per ora le ragazze sono salve.

Se dovessimo fissare un punto da cui è partita la crociata di questi uomini apparentemente con molto tempo libero, potremmo dire che è successo nel 2006,  quando è stata approvata la legge 54 sull’affido condiviso, ovvero quando il sogno di rendere un padre uguale a una madre è apparso ai loro occhi realizzabile. Un padre totalmente equiparato alla madre, però, rappresenta per taluni il traguardo finale, ovvero quello che si potrebbe raggiungere se venissero approvate le nuove norme contenute nel DDL sull’affido condiviso bis in discussione al senato.

Con le modifiche pensate da Lega e PDL e fortemente volute dalle associazioni dei padri separati, la trasformazione del genere maschile sarebbe finalmente completa.L’uomo sarebbe come una donna, il padre come una madre e, auspicabilmente, un giorno potrebbe anche raccontare   di aver preso  qualche schiaffo o calcio o pugno dalla moglie senza essere preso per pazzo.

Già, la violenza.Un cruccio per “l’uomo nuovo” non essere creduto quando dice di subire violenze da una donna e così, per ovviare al problema,  sono nati decine di gruppi su Facebook contro la donna, il femminismo e la violenza femminile.Ce n’è uno che fa addirittura il verso allo storico UDI, e che si chiama “Unione Uomini Italiani”. Non bisogna sorridere, perchè loro ci credono davvero e potrebbero offendersi.

Altri hanno titoli inquietanti ma d’effetto: “Femmine violente”, “Donne assassine”, LA MAGISTRATURA APRA INCHIESTA SU DATI ISTAT VIOLENZA DONNE, Riconosci la violenza, Movimento per IL PADRE,Un Ministero Pari Opportunità “SESSISTA” che non ci rappresenta,Il femminismo è una pratica anti-costituzionale, Garanzie costituzionali violate da prassi giudiziarie “femministe”,  Movimento per IL PADRE , Sessimo e razzismo, pari sono. Appunto… ,  Il femminismo è una pratica anti-costituzionale, Garanzie costituzionali violate da prassi giudiziarie “femministe”,  Bollettino delle violenze femminili contro uomini e bambini,   Sono una DONNA e non diventerò mai un parassita del mio compagno , L’aberrazione umana negli AFORISMI del femminismo. INCREDIBILE … 😦 Critico/a Del vecchio FEMMINISMO è rimasto solo l’OPPORTUNISMO ! ,  Femminismo e Anaffettività (non amore!),  Il Femminismo,   I FALSI ABUSI E LE FALSE ACCUSE Femminismo + separazioni = maschicidio! 2000 papa’ suicidi ogni anno in UE!,  Tremate, tremate le streghe son tornate , L’origine della vita non ha sesso. F-E-M-M-I-N-I-S-M-O ? NO, GRAZIE. PREFERISCO VIVERE! No agli estremismi…  Dentro quattro mura, senza il papa’, la vita fa paura,    BASTA ALLA VIOLENZA DELLE DONNE SU UOMINI E BAMBINI!”

Insomma ce n’è per tutti i gusti e per tutti i tipi di padri separati che oggi si definiscono vittime delle donne e organizzano forme di lotta per “far valere i loro diritti”. L’unico dato che pare davvero impossibile scoprire è quanti siano questi uomini animati da cotanto spirito di rivalsa che si iscrivono alle onlus a loro dedicate.Qualcuno dice poche centinaia, altri affermano che sono migliaia.Sui siti delle varie associazioni, però, non compare mai il numero di iscritti, dunque non possiamo quantificare il fenomeno. Quello che è certo, è che hanno lasciato o sono stati lasciati da delle donne e che queste donne erano così spaventose, da far scattare in loro un inusitato spirito di vendetta contro l’intero universo femminile.Anche voi, ad esempio, che non avete mai fatto male a nessuno, potreste diventare un bersaglio da colpire senza pietà,per tutto il male che hanno subito dalle loro ex.

Ma sì…in fondo è un po’ come andare al ristorante e obbligare il resto dei clienti a pagarci il conto.

——————————————————————————————————————————————————————

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: