Bertolaso, la lettera: un patibolo che non ho scelto né meritato

Il capo della protezione civile: “Attacco mediatico”. Ricorso di Anemone e Balducci. Si è dimesso procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro

Pubblicato il 17/02/10

E’ una nuova Tangentopoli? Dopo Bertolaso, indagato anche Verdini.

Il capo della protezione civile, Guido Bertolaso, torna a difendersi, in una lettera aperta inviata “alle donne e agli uomini della protezione civile sulle vicende giudiziarie e mediatiche dell’ultima settimana”: è “un patibolo che non ho scelto né meritato”, scrive, ribadendo che si è trattato di “un attacco mediatico “squallido e forsennato”. Una lunga lettera, pubblicata anche sul sito della protezione civile, dove Bertolaso parla non solo dell’inchiesta della magistratura sugli appalti del G8 – e su questo “nulla da eccepire a che la magistratura indaghi su tutti e chiunque”, dice, sottolineando che sta raccogliendo “i tanti elementi che possono dimostrare la mia estraneità ai fatti” – ma soprattutto denuncia “la giustizia sommaria” del processo mediatico che lo vedrebbe protagonista; e questo “si chiama fango gettato nelle pale del ventilatore, si chiama diffondere illazioni, interpretazioni, accuse, pseudocertezza” perché “nei processi mediatici la verità è l’ultima cosa che interessa, si cercano emozioni pruderie”.

Dopo la bufera giudiziaria che si è abbattuta sulla Protezione civile, il decreto emergenze ha cambiato volto: la Camera ha cancellato la Protezione civile Spa e il governo si appresta a porre la questione di fiducia sul contestatissimo provvedimento. Le modifiche apportate dalla commissione Ambiente, infatti, non bastano all’opposizione che promette battaglia fino all’ostruzionismo.

Intanto Angelo Balducci, Diego Anemone, Mauro Della Giovampaola hanno presentato ricorso al Tribunale del riesame di Firenze dopo che il Gip ha rigettato per loro le istanze di remissione in libertà. All’esame dei magistrati del capoluogo toscano ci sarà anche la posizione di Fabio De Santis che, dopo essersi avvalso della facoltà di non rispondere nell’interrogatorio di garanzia, aveva subito presentato ricorso al riesame. Per ora i quattro, coinvolti nell’inchiesta della procura fiorentina sugli appalti del G8, restano in carcere. Inoltre, il procuratore aggiunto di Roma, Achille Toro, si è dimesso dalla magistratura, a causa del coinvolgimento

suo e del figlio nell’inchiesta sul G8 della Maddalena. (Apcom)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: