SCANDALO TRANS: E’ PARTITO IL “TOTO MINISTRO”

Di Wildgreta

Da qualche giorno non si parla d’altro che di una lista con dodici nomi che circolerebbe nelle redazioni dei giornali.Dodici personaggi in vista che avrebbero avuto a che fare con i carabinieri ricattatori, con i transessuali, e tutto il resto. Ripetendo ancora una volta che non voglio partecipare al “banchetto” sulle miserie umane delle vittime di questo tipo di ricatti, ritengo che sia meglio venga fuori tutto ciò che deve venire fuori, anche se questo potrebbe far sprofondare altri nell’abisso.Infatti, ritengo che chi accetta di occupare posti di responsabilità, dovrebbe avere almeno l’accortezza di non rendersi vulnerabile ai ricatti, non dovrebbe fare uso di droghe e, possibilmente, non dovrebbe fare pubblicamente il paladino della famiglia tradizionale, scagliarsi contro le coppie di fatto, e tutto il corollario di luoghi comuni a cui siamo stati abituati in questi anni dai partiti di destra e da qualche esponente di sinistra molto attento a non ferire la sensibilità del Vaticano. Insomma, se si vuole fare i paladini, non si può avere una doppia vita.

Comunque, siccome le notizie sulle presunte nuove vittime cominciano ad uscire, vi consiglio la lettura dei seguenti articoli:

MINISTRO AN NELLO SCANDALO TRANS?

MARRAZZO: In un pc sequestrato tracce dell’altro video

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: