Air France. Avvistati i resti dell’Airbus, ma il disastro resta inspiegabile

Airbus_A330 con numero

di Matteo Giuli

PARIGI – Continuano le ricerche del volo dell’Air France partito ieri da Rio de Janeiro e diretto a Parigi con 228 passeggeri a bordo, e scomparso dagli schermi radar attorno alle 8 di ieri mattina. Le ricerche dei voli di ricognizione dell’areonautica militare brasiliana hanno dato finora un esito negativo, mentre alcuni piloti della linea aerea civile Tam hanno riferito di aver visto delle luci sull’Atlantico proprio all’altezza dell’ultimo contatto radio con il volo AF447, che presumibilmente potrebbe appartenere ai resti dell’Airbus 330 della compagnia d’oltralpe.

Il probabile ritrovamento sarebbe stato confermato anche  dall’equipaggio della nave Douce France, che a largo delle coste del Senegal avrebbe  intravisto dei relitti in fiamme proprio nel medesimo luogo.  Tra i 228 passeggeri, inclusi i 12 membri dell’equipaggio, viaggiavano anche dieci italiani:   tre altoatesini Georg Martiner,  Alexander Paulitsch e Georg Lercher,  tre veneti Enzo Canaletti e Angela Cristina de Oliveira e Giovanni Lenzi, tre trentini Rino Zandonai, Luigi Zortea e Giovanni Lenzi e una donna bolognese di 55 anni Claudia Degli Esposti. Mentre si attende una conferma ufficiale da parte della Farnesina, le ricerche continuano e proseguiranno per tutta la notte con la speranza di trovare qualche superstite.

Secondo gli esperti Air France, che stanno tentando di risalire alle cause del disastro,  il velivolo avrebbe inviato alcuni messaggi automatici di errore dopo essere entrato in una zona di forte turbolenza. Messaggi trasmessi alle 4,15 ora italiana che riguardavano una serie di avarie all’impianto elettrico e a quello di pressurizzazione. Una situazione anomala che  il presidente di Air France, Pierre-Henry Gourgeon ha commentato “senza precedenti”. Successivamente  l’aeromobile si sarebbe inabissato nell’Oceano Atlantico.
A distanza di dieci anni un altro disastro aereo colpisce la compagnia Air France. Nel luglio del 2000, infatti, il concorde appena partito da Parigi e diretto a New York si schiantò su un hotel nella piccola cittadina francese di Gonesse. Morirono 100 persone

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: