Testimone ‘Ndrangheta abbandonata dallo stato:”Marco Biagi è stato ucciso così”

‘Ndrangheta, la testimone senza (più) scorta: “Abbandonata dallo Stato”

ROMA – “Vorrei che qualcuno mi spiegasse, vorrei capire cosa sta succedendo”. Giuseppina Cordopatri è incredula, ma soprattutto indignata, perchè quello che le sta capitando, denuncia, “è una vergogna”. Lei è un teste d’accusa contro la ‘Ndrangheta, e dal 1997 vive sotto scorta. O meglio, viveva. Perchè da 25 giorni le hanno tolto la protezione, e adesso, spiega, “se chiedete di me non vi rispondono, è come se fossi morta”. Cordopatri è stata abbandonata dallo Stato, ma senza un motivo. “Quando ho telefonato per chiedere perchè mi hanno tolto la scorta, la funzionaria con cui ho parlato mi ha risposto: ‘Io non ne so niente, ero in ferie'”. La donna se la prende con i “settori deviati dell’amministrazione dello Stato” che da 25 giorni l’hanno costretta ad “arresti domiciliari forzati”. Ma lei, strano a dirsi, c’è abituata: “Non è la prima volta che provano a togliermi la scorta, con questa siamo a tre”, rivela.

“Una prima volta ci hanno provato nel 2003, poi me l’hanno ritolta nel 2006. Quell’anno, con il governo Prodi, Marco Minniti elaborò per me un piano di protezione personalizzato”. Ma adesso tutto è cambiato: a partire dalla mezzanotte del 27 aprile scorso non ha più una scorta, e alla residenza segreta di Giuseppina Cordopatri “il 4 maggio scorso è stata staccata la corrente elettrica”, aggiunge. Non le portano via neanche la spazzatura: “Esco a mio rischio e pericolo a buttare l’immondizia”, dice. Rischio e pericolo, già. Perchè “questo è un braccio di ferro, e qui non si pareggia”, tiene a sottolineare.

Giuseppina Cordopatri vuole essere ancora più chiara: “Marco Biagi è stato ucciso così“, accusa. “E io non voglio fare la sua fine”. Per questo si sta battendo perchè si sappia della sua storia. “Ieri ho anche parlato con un giornalista del ‘Guardian’“, ci tiene a far sapere. Perchè vuole “che tutti sappiano di questa storia“. E in particolare vuole far sapere che “io sono destabilizzante, perchè vado ai processi e parlo. Parlo di corruzione, di mafia e di logge massoniche che controllano, e questo dà fastidio“. La teste d’accusa sostiene che “mi vogliono fiaccare”. Ma, assicura, “io non mi arrendo, non ho intenzione di cedere”. Tutto quello che sta accadendo, insiste Cordopatri, “è finalizzato a far ritirare la mia costituzione in parte civile, perchè loro sono in affari con le organizzazioni mafiose”. Quel ‘loro’, sostiene, sono sempre i “settori deviati dell’amministrazione dello Stato”. Gli stessi che le hanno tolto la scorta? “Voi siete a Roma, vero? Allora chiedete lì”.

22 maggio 2009

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: