Sondaggi: Berlusconi vola, nonostante tutto

dii Wildgreta

Sono certa che gli analisti mondiali si stiano interrogando sul fenomeno-Italia molto più di noi. Infatti, dopo i recenti successi elettorali, quello da studiare non è più Berlusconi, ma i suoi elettori. Chi lo ama? Chi lo vota? Perchè? Sembra quasi che più errori faccia, più venga premiato dalla gente. La cosa preoccupante è che se altri leader politici, in futuro, seguissero il suo esempio, ovvero se Berlusconi avesse creato un “modello vincente”, non ci salveremmo più.Avremmo tutti i deputati intenti a farsi  leggi ad personam, ad acquistare tv, giornali e a parlare male dei magistrati che li indagano. Mentre scrivevo, mi sono accorta che tutto questo sta già succedendo…se qualche analista straniero ci spiegasse come sia stato possibile, farebbe un favore a quel 35% che, secondo i sondaggi di Berlusconi, non si è ancora innamorato di lui.

Ecco i sondaggi di oggi: Europee, Berlusconi: Pdl al 42,1%, il mio gradimento al 65%

Annunci

IL FASCISTA BORGHEZIO SMASCHERATO DA UN’INCHIESTA FRANCESE:”Siamo sempre gli stessi”

borghezio

dal blog di Daniele Sensi

Mario Borghezio: “Il regionalismo è solo una copertura. Noi siamo sempre i fascisti di un tempo”

Una video inchiesta francese smaschera il leader del Carroccio

Non è stato abbastanza scaltro, questa volta, Mario Borghezio. Ospite del movimento francese Nissa Rebela (ovvero di quel Philippe Vardon che la giustizia d’Oltralpe ha già riconosciuto colpevole non solo di islamofobia ma, anche, di ricostituzione di partito fascista) non s’è accorto di come la telecamera che lo riprendeva durante il suo intervento inneggiante al solito “Padroni a casa nostra” abbia continuato a seguirlo anche successivamente, quando, allontanatosi dalla sala ed appartatosi con alcuni esponenti della destra identitaria nizzarda, s’è messo, sottovoce, a suggerire agli amici francesi la strategia da seguire al fine di poter uscire dall’isolamento politico.

Queste le sue parole:

“Occorre insistere molto sul lato regionalista del movimento. E’ un buon modo per non essere considerati immediatamente fascisti nostalgici, bensì come una nuova forza regionalista, cattolica, eccetera eccetera… ma, dietro tutto ciò, siamo sempre gli stessi”.

CONTINUA A LEGGERE

DE MAGISTRIS: INDAGINI INFONDATE. LASCERA’ LA MAGISTRATURA ANCHE SE NON ELETTO

EUROPEE: NON TORNO IN MAGISTRATURA ANCHE SE NON ELETTO

(AGI) – Roma, 18 mar. – “Per me questa e’ una scelta di vita.
Ho passato da poco i 40 anni e finora ho fatto il magistrato.
Adesso seguo un nuovo progetto di vita e la mia e’ una scelta irreversibile, anche qualora non dovessi essere eletto”. Cosi’ il pm Luigi de Magistris in conferenza stampa spiega che non tornera’ in magistratura anche se non dovesse essere eletto con l’Idv alle prossime elezioni europee. “La mia scelta”, ha spiegato, “e’ una sorta di sconfitta della magistratura. Il mio sogno e’ sempre stato di fare il magistrato. Ma da un’apparente sconfitta ho capito di avere una grande opportunita’.
Candidandomi con l’Idv posso fare qualcosa per il mio Paese, per il bene pubblico. Anche perche’ stanno svuotando la Costituzione e c’e’ bisogno di fare comprendere all’Europa com’e’ a rischio la nostra democrazia dove ormai c’e’ la criminalizzazione del dissenso e si tende al pensiero unico”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: