Intercettazioni, la rabbia del superconsulente Genchi: “Sequestrati dai Ros anche atti di indagini in corso”

E’ indagato per violazione della privacy e abuso d’ufficio

Intercettazioni, la rabbia del superconsulente Genchi: “Sequestrati dai Ros anche atti di indagini in corso”

All’indomani della perquisizione dei carabinieri nella sua casa e in ufficio, si dice “sereno” ma battagliero: “Preparo la mia difesa da presentare nelle sedi opportune”. Poi: “Non ce l’ho con il procuratore di Marsala Di Pisa”

commenta 0 vota 0
tutte le notizie di CRONACA

ultimo aggiornamento: 14 marzo, ore 19:55
Palermo, 14 mar. – (Adnkronos) – “Sono tranquillo. Sto preparando con il mio legale, l’avvocato Fabio Repici, la mia difesa che presenteremo nelle sedi opportune”. Lo ha detto all’ADNKRONOS Gioacchino Genchi, il superconsulente informatico a cui ieri i Carabinieri del Ros, su disposizione della Procura di Roma, hanno perquisito gli uffici e l’abitazione. Genchi, che ha lavorato a delicate indagini, tra cui ‘Why not’ della Procura di Catanzaro, è indagato per violazione della privacy e abuso d’ufficio.

A poco meno di 24 ore dalla perquisizione dei locali di piazza Principe di Camporeale a Palermo e dell’ufficio della caserma della Polizia ‘Lu’ngaro’, dove Genchi presta servizio dopo avere fatto rientro nel corpo della Polizia di Stato, il consulente si dice “sereno” anche se battagliero. Genchi, dalla sua abitazione palermitana, tiene a sottolineare “l’assoluta correttezza, garbo e professionalità dimostrate dai Carabinieri del Ros durante la perquisizione degli uffici”.

Però, il superconsulente ribadisce che “non è vero che sono stati sequestrati solo atti relativi all’inchiesta ‘Why not’, come è stato detto. I militari hanno sequestrato anche atti che riguardano indagini delicate tuttora in corso, ad esempio, su Palermo, Salerno e Catanzaro. Hanno sequestrato tutto”.

“Io, comunque – sottolinea ancora Gioacchino Genchi – non ho assolutamente niente da nascondere. i Carabinieri hanno portato via tutto quello che hanno trovato. Sono dati ufficiali di processi anche riservati”.

Alla domanda di commentare la dichiarazione fatta oggi dal Procuratore capo di Marsala Alberto Di Pisa, tirato in ballo ieri sera dal legale di Genchi, secondo cui la segnalazione della ‘notizia criminis’ sarebbe partita proprio da Marsala, il consulente dice laconicamente: “Prendo atto con piacere delle dichiarazioni rilasciate dal dottor Di Pisa. Io non ce l’ho con lui”. Di Pisa, in una nota ha spiegato: “Nessuna segnalazione scritta, verbale o telefonica o di altro genere è stata mai fatta dalla Procura di Marsala alla Procura di Roma che procede autonomamente”.

Sono due le inchieste che la Procura di Roma ha avviato nei confronti di Gioacchino Genchi. La prima, in cui è accusato di abuso d’ufficio, riguarda la consulenza che ha svolto nell’inchiesta ‘Why not’ del pm di Catanzara Luigi De Magistris, dove avrebbe agito, secondo i pm capitolini, operando “in violazione delle disposizioni” che prevedono la “preventiva richiesta di autorizzazione alla camera di appartenenza per l’acquisizione di tabulati di comunicazioni di membri del Parlamento”. La seconda inchiesta, invece, riguarda le presunte violazioni all’Anagrafe tributaria.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: