Europee, Veltroni contestato a Torino

Europee, Veltroni contestato a Torino
Veltroni parla davanti ai cronisti nella nuova sede regionale

Il leader del Pd ha inaugurato la sede piemontese del partito: «Se la sinistra si unirà raggiungerà ampiamente la soglia del 4%»
TORINO
Il segretario del Pd, Walter Veltroni, contestato a Torino per la posizione dei democratici sulla soglia di sbarramento al 4 per cento alle europee, ha incontrato esponenti di Rifondazione comunista e dei Comunisti italiani che lo hanno atteso per l’inaugurazione della nuova sede del Partito democratico piemontese a Torino e ha auspicato che la sinistra radicale si unisca in vista delle elezioni perché così facendo «supererà ampiamente il 4 per cento».

«Abbiamo avuto uno scambio serio e amichevole – ha detto dopo aver incontrato i manifestanti – e gli ho spiegato quello in cui noi crediamo: che la legge italiana deve essere come quella degli altri paesi europei. Se in Francia e in Germania c’è una soglia al 5 per cento, se in Inghilterra lo sbarramento reale è al 9 per cento, l’Italia non può arrivare (a Strasburgo, ndr) con decine di gruppi politici. E poi – ha aggiunto Veltroni – mi auguro veramente che la sinistra radicale italiana si ritrovi in una dialettica più interna che di frammentazione perché una forza unita ovviamente supererà ampiamente il 4 per cento, come successo in Francia e in Germania».

L’introduzione dello sbarramento del 4% per le elezioni europee continua far discutere le forze politiche, con i “piccoli”, di destra e di sinistra, che contestano l’intesa raggiunta due giorni fa tra Pd e Pdl. La vice capogruppo alla Camera del Pd, Marina Sereni, si è rivolta proprio ai partiti minori della sinistra che rischierebbero di restare fuori dal Parlamento di Strasburgo sottolineando che l’introduzione di uno sbarramento del 4%, mantenendo le preferenze, «corrisponde alla richiesta che viene dai cittadini per un sistema dei partiti meno frantumato e per restituire all’elettore la possibilità di scegliere il proprio parlamentare. Anzichè attaccarci – continua – le forze alla sinistra del Pd dovrebbero costruire le condizioni di un’aggregazione che possa dare voce al loro elettorato. Per parte nostra – aggiunge – se sarà introdotto lo sbarramento, credo dovremo essere disponibili ad aprire le nostre liste ad altre forze riformiste».

Ma le manovre di aggregazione a sinistra non sembrano facili: Riccardo Nencini, segretario dei Socialisti, avanza l’ipotesi di una «alleanza che vada dai Radicali al movimento di Vendola, dai Verdi a Sinistra Democratica» e Oliviero Diliberto sottolinea che «sono in corso intensissimi colloqui con i dirigenti di altri partiti» e si dice «ottimista» riguardo all’ipotesi di correre sotto un unico simbolo alle prossime elezioni europee. Ma il Verde Paolo Cento fa sapere che il Sole che ride non starà mai all’interno di una colazione che abbia come simbolo la falce e il martello e boccia come vetusta la proposta di Diliberto.

Le critiche all’accordo continuano ad arrivare da sinistra con il segretario di Sd, Claudio Fava, che ribadisce «l’errore politico» dell’accordo sullo sbarramento e denuncia «il baratto» che i due principali partiti avrebbero portato a termine. Ma anche La Destra, con Teodoro Buontempo, denuncia il fatto che «Pd e Pdl vogliono impedire la raccolta delle firme» per permettere ai partiti più piccoli di correre alle elezioni di giugno.

La Stampa 30 gennaio 2009

Annunci

Una Risposta to “Europee, Veltroni contestato a Torino”

  1. Romano Borrelli Says:

    No allo sbarramento alle europee.


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: