Nugnes: I misteri del computer, sequestrati i telefonini

nugnes-2

“Mi confidò: questi vogliono vedermi morto”

«Giorgio era scosso, preoccupato, temeva che sul suo conto ci fossero altre indagini, ormai viveva in un incubo»: Antonio Marciano, il responsabile organizzativo del Pd, ha incontrato per caso Giorgio Nugnes giovedì nel primo pomeriggio nei pressi della Regione dove l’ex assessore era tornato a lavorare. È stato uno degli ultimi politici a parlargli. «Si è fermato con me qualche minuto – racconta – e ha mi ha ripetuto più volte: “Ci vogliono vedere morti, non si fermano”. Evidentemente si riferiva alle forze dell’ordine e alla magistratura». Secondo Marciano l’ex assessore era teso, preoccupato: «Mi sembrava ossessionato da un pensiero fisso. Mentre parlavamo si è girato, ha detto “Ci stanno filmando, ci stanno fotogrando. Poi si è messo di spalle, ha sussurrato “stiamo attenti, leggono il labiale”. Parlava a labbra strette, quasi non riuscivo a capiro. Ho cercato di rasserenarlo. Gli ho ripetuto: stai tranquillo, la verità verrà fuori». Ma lui continuava a ripetere, dice Marciano, le stesse frasi: «Diceva “usciranno altre indagini, ho paura di essere nuovamente coinvolto”. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Mega indagine sugli appalti del Comune:Ecco l’inchiesta che spaventava Nugnes

NAPOLI (1 dicembre) – Una nuova bufera giudiziaria sta per abbattersi sul Comune di Napoli: sarebbero imminenti misure coercitive nei confronti di amministratori pubblici. L’indagine (20 indagati) nelle mani del Gip riguarda la gestione del patrimonio immobiliare del Comune di Napoli, il Global service e gli appalti connessi. E sarebbe stata proprio questa nuova indagine a spingere al suicidio l’ex assessore Nugnes, i cui funerali sono in corso oggi. Leggi il seguito di questo post »

Suicidio Nugnes:Sequestrati cellulari e computer, caccia al memoriale

La rivolta di Pianura nelle immagini del Tg1

 Il sindaco: «Segreto istruttorio di Pulcinella È molto peggio di Tangentopoli»

Il difensore: «Era convinto che i pm volessero incastrarlo»

NAPOLI (1 dicembre) – Ricostruire le ultime ore di vita di Giorgio Nugnes. È su questo versante che si concentrano le indagini dei carabinieri, a due giorni dal suicidio dell’ex assessore del Pd, che si è tolto la vita impiccandosi, casa, sabato mattina. Incontri, persone, luoghi incrociati da Nugnes. Si cerca il memoriale che Nugnes avrebbe affidato a un file custodito in un pc portatile, ma si scava anche nelle ultime mail, in entrata e in uscita, e negli sms del politico. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: