Paolo Guzzanti:”In Parlamento ci mandano un sms per dirci quando arrivare, quando uscire o andare in bagno”

Governo/ Guzzanti: Gelmini, Carfagna e altri sono circolo amicale.Tutti i ministri seguono rigido copione voluto da Berlusconi

Roma, 9 nov. (Apcom) – Maria Stella Gelmini, Mara Carfagna e altri sono diventati ministri “in quanto appartengono a un circolo amicale”. Paolo Guzzanti risponde così a Lucia Annunziata che nella trasmissione ‘In mezz’ora’ gli chiede di esprimere un parere sugli esponenti dell’esecutivo dopo lo scontro avuto con la ministra delle Pari Opportunità. Leggi il seguito di questo post »

VIDEO DENUNCIA CAVA CHIAIANO: I MILITARI INTERRANO RIFIUTI SPECIALI. QUANTO VALE PER IL GOVERNO LA SALUTE DEI CITTADINI?


Di Wildgreta

QUANTO VALE SALUTE DEI CITTADINI PER IL GOVERNO BERLUSCONI? E’ QUESTA LA DOMANDA CHE BISOGNA PORSI OGGI, DOPO LA DENUNCIA DEI COMITATI ANTIDISCARICA DI CHIAIANO.CITTADINI CHE HANNO VISTO I LORO CARI AMMALARSI, CHE SONO LORO STESSI AMMALATI, E CHE ORA SI VEDONO TRATTARE COME UNA MINACCIA. LORO SAREBBERO LA MINACCIA, LORO SAREBBERO I “FACINOROSI” DA TENERE ALLA LARGA CON L’ESERCITO. LORO SAREBBERO IL PERICOLO. NON L’AMIANTO, NON I RIFIUTI TOSSICI, NON LA DISCARICA. CITTADINI PERICOLOSI DA ALLONTANARE CON LA FORZA DAI LUOGHI “DOVE SI LAVORA PER IL GOVERNO”.DA QUESTO SITO UN APPOGGIO INCONDIZIONATO AI COMITATI DI CHIAIANO E LA PREGHIERA DI DIFFONDERE ANCHE SU ALTRI SITI QUESTI VIDEO.

link autore: http://www.rifiutizerocampania.org

“Il video denuncia sulla gestione operata dal Commissario Bertolaso e dai militari dei rifiuti speciali trovati nella cava di Chiaiano dove vogliono fare la discarica ”

(il gen. Giannini in intervista ha parlato di diecimila tonnellate di amianto).”

Questi sono i link delle due parti di video realizzato dai comitati:

Video parte 1: http://it.youtube.com/watch?v=VYCs3SnD9VQ

Video parte 2 : http://it.youtube.com/watch?v=PAreg9Asqyc

Sono vari spezzoni di riprese effettuate da un punto alto in cui è visibile la cava (militarizzata e quindi inaccessibile), in alcune giornate a partire dal 20 ottobre. Quindi ben prima che Bertolaso chiamasse il NOE dei carabinieri il 29 ottobre, dopo che era stato già notificato in procura anche un nostro esposto.

Nel video si vedono militari con le maschere antigas e operai senza, si vede scavare una vasca impermeabilizzata e interrarci terreno misto con rifiuti speciali, si vede coprire e appianare questa vasca come se il materiale movimentato dovesse restare lì per sempre.

ECCO UN PRO-MEMORIA DEL COMITATO DI CHIAIANO PER CONTESTUALIZZARE IL VIDEO:

Rifiuti Tossici e Gestione Commissariale: Il video-denuncia dello scandalo di Chiaiano

Pro Memoria utile nell’interpretazione del materiale fiilmato distribuito.
8 Novembre 2008

Gli attivisti del Presidio antidiscarica cercano da sempre di documentare quel che accade nella cava di Chiaiano da diversi punti di osservazione, visto il rifiuto da parte del Commissariato “straordinario” a riconoscere almeno il diritto alla trasparenza ai cittadini, consentendo l’ingresso nella cava stessa.

Il materiale video è composto di diversi spezzoni, perchè corrisponde a diversi giorni di riprese (alcuni dobbiamo ancora recuperarli dai supporti). Il materiale video in questione comincia il 20 e 21 ottobre quando per un improvviso e frenetico movimento di uomini e mezzi meccanici si è scoperto che una spianata coltivata a prugne era stata sbancata (senza nessun avviso ai proprietari) e che su questa si stava scavando un fosso rettangolare, una vasca, di almeno quaranta metri per venti, profonda circa due metri e mezzo, ammucchiando poco distante il terreno ricavato. Si tratta di un fosso di 800 mq. di superficie capace di contenere dai 16.000 ai 20.000 mc.
La vasca è stata poi impermeabilizzata con teli saldati lungo i bordi. Il giorno 22 hanno cominciato a portarvi del materiale terroso visibilmente frammisto a rifiuti speciali, sversandolo con camions ribaltabili. A fine giornata sono intervenuti i militari che hanno steso del filo spinato lungo i bordi della vasca e ha impressionato il fatto che i soldati indossassero delle maschere tipo anti-gas. Il fatto che la vasca fosse a tenuta ha fatto pensare che il materiale che vi veniva conferito non dovesse avere contatto con il terreno (cosa non necessaria,invece, per i prodotti semplici e inerti dello scavo) e il fatto che i militari indossassero la maschera ha confermato l’idea che si stesse movimentando del materiale pericoloso. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: