ARCIGAY DENUNCIA LA BINETTI (PD).

Il Vaticano: “I gay non potranno diventare sacerdoti”. Grillini: è razzismo

Intervenga anche l’Ordine dei Medici
venerdì 31 ottobre 2008 ,  comunicato stampa

Cardinali, vescovi, preti omosessuali facciano sentire la propria voce. Adesso basta! Non è possibile che l’onorevole Paola Binetti (PD) continui impunemente a definire gli omosessuali dei malati, e ad affermare, come oggi avviene sul Corriere della Sera, che le tendenze omosessuali fortemente radicate possono scaturire nella pedofilia. E’ un’ignobile bugia smentita dalla scienza e dall’osservazione clinica sulle patologie sessuali pedofile: l’orientamento sessuale non c’entra nulla con la pedofilia. Inoltre i dati statistici sugli orribili reati perpetrati ai danni dei bambini confermano che la stragrande dei casi sono commessi dai padri, dai parenti, dalla cerchia degli amici, tutti rigorosamente eterosessuali.

Arcigay intende denunciare Paola Binetti per le gravi affermazioni lesive per la dignità di milioni di cittadine e cittadini italiani.

Chiediamo inoltre all’Ordine nazionale dei Medici di pronunciarsi in modo chiaro e definitivo e di prendere le distanze da queste abberranti affermazioni.

C’è da chiedersi infine come la Binetti possa militare in un partito il cui leader, Walter Veltroni, solo una settimana fa, ha denunciato l’omofobia dilagante in Italia.

Per quanto riguarda il Vaticano, che vuole escludere i gay dal sacerdozio, alle nostre affermazioni ironiche di ieri, vogliamo far seguire un appello a tutti i cardinali, vescovi e preti, che sono costretti ad una seconda vita in quanto omosessuali, di far sentire la propria voce e di adoperarsi pubblicamente affinché questa ondata di omofobia dentro la Chiesa possa essere fermata con la forza della testimonianza diretta.

Aurelio Mancuso, Presidente Nazionale Arcigay

BINETTI (PD). BENE LA CHIESA SU PRETI GAY, COSì SI COMBATTE LA PEDOFILIA
Istinto gay “fortemente radicato” è incontrollabile
venerdì 31 ottobre 2008 , di il Corriere della Sera

zoom A A A Scrivi a Gaynews Invia ad un amico Stampa

Binetti: un rimedio contro i pedofili 

 

ROMA – Senatrice Paola Binetti, ha visto il documento del Vaticano sui gay che non possono diventare preti?

«La Chiesa sta ribadendo una dottrina consolidata per la scelta dei suoi pastori. Del resto…».

Del resto cosa?

«Non dimentichiamo che proprio recentemente si è verificata la situazione drammatica dei preti pedofili».

E la pedofilia ha a che fare con la omosessualità?

«Stiamo attenti. Il documento della Congregazione per l’Educazione cattolica parla di “tendenze omosessuali fortemente radicate” ».

Quindi?

« Quindi queste tendenze omosessuali fortemente radicate presuppongono la presenza di un istinto che può risultare incontrollabile. Ecco: da qui scaturisce il rischio pedofilia. Siamo davanti ad un’emergenza educativa ».

Educativa?

«Ma sì. Il compito dei pastori della Chiesa si esplica al massimo proprio con i giovani, giovanissimi. Non mi stupisce che il Santo Padre abbia voglia di avere sacerdoti sani, sportivi, vissuti come modelli potenziali. Per questo ha ribadito anche l’importanza della castità. Perché…».

Perché?

«La pedofilia, in fondo, c’è anche nei confronti delle ragazzine. Anche se molto meno frequente».

Alessandra Arachi

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: