No Gelmini Day, reazione del Ministro:”Ci sono due Italie una lavora, l’altra protesta”. Ne dimentica una terza.

SCUOLA & GIOVANI Il commento della titolare dell’Istruzione sull’opposizione ai suoi provvedimenti
“Piccole frange che vogliono mantenere lo status quo: lasciamoli stare”

La “terza Italia” che la Gelmini dimentica di citare, è appunto quella che vorrebbe persone competenti a fare i ministri.

Di Wildgreta

Ecco, “lasciamoli stare”. Lasciamo stare le persone che la scuola la vivono, lasciamo stare la cultura, lasciamo stare un’istruzione completa. Tanto basta leggere-scrivere e far di conto. E con queste poche nozioni di base, si può anche arrivare a fare il ministro. La “terza Italia” che la Gelmini dimentica di citare, è appunto quella che vorrebbe persone competenti a fare i ministri.

Manifestazione dei coordinamenti romani davanti al ministero

ROMA – “Ci sono due Italie: quella che lavora, progetta e vuole essere pagata meglio. Poi ci sono piccole frange che preferiscono protestare e mantenere lo status quo: lasciamoli stare”. Nel giorno del “No Gelmini day”, il ministro dell’Istruzione non lascia aperto neppure uno spiraglio alla possibilità di dialogare con chi si oppone ai suoi provvedimenti per la scuola. E commenta con toni stizziti la manifestazione inscenata da insegnanti, studenti e genitori davanti al suo dicastero.

Oltre al “No Gelmini day”, organizzato da una serie di coordinamenti romani, c’è la protesta degli specializzandi dell’ultimo ciclo Ssis che chiedono l’equiparazione di trattamento con gli altri precari. Contestazioni che puntano ad allargare il dissenso per la riduzione di risorse decise dal governo sul fronte della scuola pubblica: una politica che si tradurrà in tagli all’organico che, anche attraverso il dl 137 attualmente in discussione alla Camera, porteranno alla riduzione degli orari, alla revisione delle classi di concorso, alla chiusura o all’accorpamento delle scuole più piccole e al ritorno al maestro unico.

Di fronte alle proteste il ministro chiude tutte le porte al dialogo e insiste sul concetto delle “due Italie”. Accusando gli oppositori dei suoi provvedimenti di voler mantenere la situazione attuale: “Chi si limita a difendere lo status quo non fa un buon servizio per il futuro della scuola – dice la Gelmini – Bisogna avere il coraggio di cambiare perché la scuola come è oggi scontenta tutti, docenti e ragazzi”.
(Repubblica 2 ottobre 2008)

Annunci

2 Risposte to “No Gelmini Day, reazione del Ministro:”Ci sono due Italie una lavora, l’altra protesta”. Ne dimentica una terza.”

  1. nonallineato Says:

    Ma è normale! Costoro spregiano la costituzine oltre che la decenza, vuoi che ammettano la possibilità di proposte alternative per quanto qualificate e serie? Sono tutti cialoganti come peronsilvio: dialogo = dargli ragione.
    luigi nonallineato


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: