Scuola/ Da domani al via l’autunno caldo contro il dl Gelmini

 

Si inizia con ‘no Gelmini day’ e Anief. Poi Unicobas e studenti

Roma, 1 ott. (Apcom) – Prende il via domani l’autunno caldo della scuola italiana: contro il decreto legge Gelmini, in discussione alla Camera, sono previsti tre giorni di mobilitazioni davanti al ministero dell’Istruzione. Si inizia con i coordinamenti dei genitori e docenti del quartiere Casilino di Roma che hanno indetto il ‘no Gelmini day’. Sempre domani è in programma la manifestazione dell’Anief – l’Associazione nazionale insegnanti ed educatori in formazione – che difende gli aspiranti docenti che hanno frequentato le Ssis universitarie.

Venerdì l’Unicobas attuerà lo sciopero e la manifestazione nazionale contro i tagli annunciati nella scuola. La tre giorni di proteste davanti al dicastero dell’Istruzione si concluderà sabato con la contestazione della Rete degli studenti.

Il comune denominatore di tutte le mobilitazioni è la richiesta di ritiro dei provvedimenti adottati dal nuovo governo sulla scuola; in particolare del dl n. 137, ora all’esame della Camera. I manifestanti rivendicano soprattutto la politica dei tagli agli organici, la riduzione di risorse all’istruzione, il decremento delle ore settimanali, il blocco delle immissioni in ruolo, il ritorno al maestro unico e la mancata equiparazione dei sissini rispetto agli altri precari già inseriti.

Il ‘no Gelmini day’, a cui hanno dato l’adesione alcuni partiti dell’estrema sinistra, è stato indetto dai coordinamenti di docenti e genitori nati nei municipi rimani VI e VII a seguito dell’occupazione della scuola primaria di Roma ‘Iqbal Masih’ attuata dal movimento ‘Non rubateci il futuro’: i coordinamenti si oppongono soprattutto alla parte del decreto che riguarda la riduzione dell’orario base a 24 alla primaria ed il ritorno al maestro unico.

Una delle più convinte sostenitrici della mobilitazione è la dirigente della ‘Iqbal Masih’, Simonetta Salacone: “il ministro Gelmini come può dire che i precari non siano un suo problema? Ho scritto una lettera aperta al ministro e poi ai docenti per dire che la scuola è delle persone che ci vivono dentro, dei cittadini”, ha spiegato Salacone. I coordinamenti del quartiere Casilino chiederanno di incontrare il ministro Gelmini. Il quale ha comunque già fatto sapere, in occasione dell’avvio dell’anno scolastico al Quirinale, che non ha”nessuna contrarietà ad incontrarli”. (segue)

2 ottobre”No Gelmini day”, presidi davanti al ministero

 Cresce di ora in ora la mobilitazione dei genitori e aumenta il numero delle scuole che decidono di aderire alle proteste del «No Gelmini day», giovedì prossimo. Un presidio davanti al ministero dell’Istruzione, in piazza Bernardino da Feltre, dalle 8,20 alle 10,20 contro la fine del tempo pieno, l’introduzione del maestro unico, i tagli e la chiusura di 2.000 scuole.
La protesta è nata da un tam-tam fra le scuole elementari, prima fra tutti la Iqbal Masih di Roma dove la protesta è scattata immediatamente. Ora il coordinamento è diventato nazionale con centinaia di istituti che stanno alzando la voce.

Alcune di queste, oltre ad aderire alla manifestazione, hanno deciso di portare avanti una sorta di notte bianca all’interno delle scuole: un presidio che durerà fino al mattino seguente all’interno degli istituti.

Accanto ai maestri ci sono anche i genitori degli alunni. Come il nascente Guds – Genitori Uniti per Difendere la Scuola di Roma, la cui portavoce, Gabriella Bartolini, sta creando una rete nazionale trasversale tra genitori e insegnanti. Soprattutto sono tanti i gruppi di genitori che si contattano da scuole diverse e organizzano attività, scambiandosi materiali, volantini, commenti sul decreto 137/08 e sul disegno di legge Aprea, che insieme sembrano disarticolare la scuola pubblica.

Ecco i siti:

http://www.retescuole.net/contenuto?id=20080929232105

http://maestrounico.blogspot.com/2008/09/no-gelmini-day.html

http://scuolaschool.spaces.live.com/blog/

Annunci

Una Risposta to “Scuola/ Da domani al via l’autunno caldo contro il dl Gelmini”


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: