Cassazione: può essere condannato quel docente che minaccia di bocciare. Qualcuno avverta la Gelmini

Confermata la pena di un insegnante di un liceo scientifico

Note di Wildgreta: Dal momento che dopo il decreto Gelmini gli studenti potranno essere bocciati anche per una sola insufficienza in una sola materia, lo strumento della minaccia della bocciatura potrebbe tornare in auge. Consiglio, quindi il ministro, di diramare direttive in merito  a questa notizia ai vari istituti scolastici.


ROMA (24 settembre 2008) – Minacciare un alunno di non passare alla classe superiore, di essere bocciato e dovere quindi ripetere l’anno, è passibile di una condanna.

E’ quello che ha stabilito la Corte di Cassazione che ha confermato la pena di un insegnante di un liceo scientifico che era finito in dibattimento dopo avere detto a una studentessa che non “aveva più alcuna possibilità di essere promossa”. Il fatto era accaduto dopo una assemblea in cui la madre della ragazza aveva chiesto che non venisse mantenuta la continuità didattica con quell’insegnante. I giudici della Suprema Corte hanno sentenziato che “correttamente i giudici hanno ritenuto sussistente la minaccia grave”. Poiché per una studentessa la “ingiusta prospettazione di una bocciatura rappresenta una delle peggiori evenienze, tale da poter configurare l’aggravante”.

Annunci

2 Risposte to “Cassazione: può essere condannato quel docente che minaccia di bocciare. Qualcuno avverta la Gelmini”

  1. nonallineato Says:

    Non entro nel merito della sentenza. Ne prendo atto. Rimane il fatto che l’episodio conferma lo sfascio della scuola ed un approccio infelice dei genitori. La scuola o i dirigenti di quella scuola non sono in grado di risolvere nulla che esuli dalla routine.
    luigi nonallineato

  2. wildgreta Says:

    Sembra che l’insegnante impartisse ripetizioni private a pagamento e costringesse gli studenti a fargli regali.”….Tra i motivi del ricorso in Cassazione – presentato dai legali dell’insegnante – anche la presunta inutilizzabilità, nel processo, della relazione di un ispettore del Ministero dell’istruzione che era stato inviato al liceo «Lioy». La verifica era scattata dopo il suicidio di un’allieva. Il professore era, però, risultato estraneo a questa tragica vicenda: ma l’ispezione mise in luce comportamenti più che sospetti del docente che sfociarono nell’inchiesta penale.:::”
    25/09/2008


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: