Tangenti Sanità: presentata istanza scarcerazione ma la Procura potrebbe opporsi

Del Turco e compagni verso la libertà
sabato 13 settembre 2008
Martedì le istanze di scarcerazione, la Procura potrebbe però opporsi per le interviste rilasciate
Chiuso l’incidente probatorio, che ha segnato un momento importante della inchiesta con piena soddisfazione della Procura della Repubblica, che ha visto confermare la credibilità del dottor Vincenzo Angelini …


nella doppia veste di testimone d’accusa e indagato, l’inchiesta è tutt’altro che chiusa. E’ stata solo archiviata una fase, ora ci saranno nuovi sviluppi, che potrebbero anche essere clamorosi. Ci sono ancora filoni aperti, oltre alla caccia ai soldi che Angelini avrebbe versato ai vari personaggi, che ha preso anche piste che portano fuori dall’Italia. Inoltre nel corso dell’incidente probatorio sono emersi particolari che hanno fatto capire come il quadro della inchiesta si allarghi oltre Angelini e Villa Pini. Ci potranno essere ancora svolte in qualche maniera sorprendenti. Intanto si parla della libertà degli imputati. La notizia è che saranno depositate martedì prossimo le istanze di revoca delle misure cautelari per l’ex presidente della Regione Ottaviano Del Turco e tutti gli altri coinvolti nell’inchiesta della Procura di Pescara sulle presunte tangenti nel mondo della sanità abruzzese. L’avvocato di Vito Domenici, ex assessore alla Sanità nella giunta di centro destra, potrebbe anticipare i tempi e depositare già lunedì l’istanza di revoca degli arresti domiciliari per il suo assistito. Secondo i legali non ci sono più motivi validi per prolungare le misure restrittive. Anche la Procura potrebbe dare via libera. Ma sulla questione incombono le dichiarazioni rilasciate ai giornali dagli imputati. La procura infatti ha acquisito le numerose interviste rilasciate dagli indagati e che costituiscono la prova della violazione del divieto di comunicare imposto a chi è agli arresti domiciliari. In particolare ricordiamo il richiamo del Pm Trifuoggi al difensore di Del Turco, avvocato Milia, dopo le prime interviste rilasciate a giornali nazionali, richiamo non ascoltato da Lamberto Quarta che il giorno dopo ha dato a giornali e alle Tv diverse dichiarazioni. La Procura potrebbe ora dare parere negativo alla libertà per qualcuno degli imputati. La decisione finale toccherà al Gip, per il quale il parere dell’accusa non è vincolante.

Cronaca d’Abruzzo 13 settembre 2008

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: