SONDAGGIO IPSOS: PD SOTTO IL 30% – LA LEGA SUPERA IL 10% E L’IDV AL 9% (Stampa)

Salgono “partiti identitari”, la Lega erode consensi al Pdl

Milano, 6 set. (Apcom) – La Lega Nord che per la prima volta nella storia supera la soglia del 10% nazionale, raggiunge il 10,8% e diventa il primo partito del Nord, l’Italia di Valori di Di Pietro che si attesta al 9%, più che raddoppiando il risultato delle politiche (4,4%), e il Pd sotto la soglia del 30%. E’ il quadro tracciato dall’ultimo sondaggio riservato realizzato dalla Ipsos e riportato oggi dalla Stampa. Il sondaggio, scrive il quotidiano, attesta l’escalation dei partiti populisti, che assieme sfiorano il 20%, e ha “addolcito un po’ la pillola a Veltroni: il suo Pd è al 29,8%, dunque in calo rispetto alle politiche (33,1%) – si legge sul quotidiano torinese – ma la caduta si colloca in un contesto che premia i partiti ‘di pancia’ identitati, quelli del messaggio più semplice e diretto, e penalizza invece le forze più grandi, il Pd ma anche il Pdl”. La Lega infatti diventa il primo partito del Nord, secondo il sondaggio, grazie anche all’erosione di consensi ai danni del Pdl.

Tre le tappe in quella che la Stampa definisce “energica ripartenza ” del leader del Pd Veltroni, in vista delle elezioni europee del 9 giugno 2009, prossima importante scadenza politica. Veltroni, spiega il quotidiano, vorrebbe convocare in tempi stretti, cioè nella prima metà di ottobre, “l’Assemblea congressuale del Pd, presentarsi lì con un documento audace, innovativo su alcuni snodi programmatici, facendone la base di discussione per la Convention programmatica di inizio 2009, che dovrebbe diventare la Bad Godesberg della sinistra italiana”.

Veltroni oggi chiuderà la kermesse Democratica di Firenze con un’intervista a Enrico Mentana, mentre farà un discorso più impegnativo domenica 14 nella piazza di Montepulciano, a conclusione della prima Summer School organizzata dal Pd. Secondo La Stampa Veltroni sta soffrendo l’opposizione di D’Alema, Marini e Parisi, e in privato sostiene: “Dobbiamo recuperare la freschezza della prima fase, accelerare l’innovazione che ci ha portati fin dove siamo arrivati e temo che altri appuntamenti ci diranno quale risultato sia stato il 34%”. Come dire, conclude la Stampa, se andiamo indietro alle Europee non è colpa mia ma di chi ha remato contro.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: