Scandalo sanità Abruzzo, Angelini: “Così cedevo ai ricatti di AN e Forza Italia”

Nell’ordinanza della procura le accuse dell’imprenditore Angelini
all’ex governatore Pace e al parlamentare Pdl Aracu
Il Grande Elemosiniere e la destra

dal nostro inviato CARLO BONINIPESCARA – A stare a quel che si legge, il Sistema era uno e, nel tempo, sarebbe rimasto lo stesso. Le associazioni per delinquere, al contrario, “sono state due”. Nera la prima, rossa la seconda. Perché in principio, in un tempo non troppo lontano, il biennio 2003-2005, il Grande Elemosiniere della sanità, Vincenzo Angelini, si genuflesse ai capi bastone del Centrodestra abruzzese, ungendo le ruote della macchina elettorale di Forza Italia e Alleanza Nazionale.

Scrive il gip Michela Di Fine nella sua ordinanza: “Vito Domenici, ex assessore regionale alla Sanità (oggi consigliere Pdl, ndr), Giancarlo Masciarelli, ex presidente della finanziaria regionale (Fira), ottenevano, con l’avallo dell’allora presidente della Regione Giovanni Pace (An), il pieno controllo della sanità, grazie all’accentramento dei poteri in capo a Masciarelli ed agli uomini Fira, alla sistematica sottrazione di poteri, funzioni, competenze ed informazioni agli uffici ed ai funzionari della Regione, delle Asl e dell’avvocatura (…) Nell’ottobre 2003, Domenici e Masciarelli promuovevano e costituivano insieme a Pace, all’ex vicepresidente della Fira e genero di Pace, Vincenzo Trozzi, all’avvocato romano Pietro Anello, a Luigi Conga, ex direttore generale della Asl di Chieti, e all’avvocato Antonio Boschetti, un’associazione per delinquere finalizzata a deviare e condizionare illegalmente l’attività amministrativa e negoziale della Regione”.

“Così la destra mi ha inc…”.
Interrogato il 6 maggio scorso dal procuratore Trifuoggi e dal sostituto Di Florio, Vincenzo Angelini non ci gira intorno. Chiedono i magistrati: “L’ex presidente Pace le ha avanzato richieste di denaro?”. “Ah sì, altro che. Per essere esatti, io da quella gente sono stato inc…”. “Allora ci dica”. “Pace mi chiede 200 mila euro, che io do a Masciarelli, pardon al genero di Pace, Vincenzo Trozzi della Fira, che poi provvedeva a darli a quel poveretto del tesoriere di Alleanza Nazionale”. “Perché poveretto? È morto?”. “No, poveretto perché io gliene ho dati solo 100 mila. E questo tesoriere è andato rompendomi i coglioni per tutto il 2005 e parte del 2006. Mi rompeva le scatole una volta al mese e diceva: “Sai, nei nostri conti di An siamo scoperti di 100 mila e non so come fare””. “Soldi regolari?”. “No. In nero. Perché così me li hanno chiesti”.

Ce n’è, a quanto dice il Grande Elemosiniere, anche per Forza Italia. Per Domenici, che ne è il coordinatore a Pescara. Chiedono i pm: “A Domenici ha dato qualcosa?”. “A Domenici ho dato 500 mila euro. Durante la campagna elettorale del 2005. Glieli ho consegnati al casello autostradale di Avezzano. Lui voleva 1 milione”. “Ed era un finanziamento regolare?”. “No. Ho fatto anche un finanziamento ufficiale, ma quello è un altro discorso”.

“Fu sempre Masciarelli a chiederle i soldi per Domenici?”. “Sì. Continuavano a ossessionarmi. Un giorno chiamo Masciarelli e gli dico: “Avete rotto il cazzo. Che cosa volete da me?”. E lui: “Lo so, ma sai, ci devi dare una mano”. Allora io faccio: “Scusate tanto, ma perché? Io sono già a posto con la cartolarizzazione (dei crediti sanitari, ndr). E Masciarelli: “Lo so, ma se poi questi vincono le elezioni tu sei un uomo morto”. Io risposi: “Va a dire a quello stronzo (Domenici, ndr) che gliene do la metà”.

Aracu e la corrente di Cicchitto
Non è il solo Domenici a bussare a denari per Forza Italia. Nella primavera del 2005, con Angelini si fa vivo il deputato azzurro Sabatino Aracu, ex della diaspora socialista. Chiedono i pm nell’interrogatorio del 6 maggio: “Anche Aracu ha fatto richieste?”. “Si. A cui non ho dato corso. Dopo la cartolarizzazione, ci vedemmo a Pescara, in piazza Salotto, e chiese 2 milioni di euro per l’acquisto della casa della figlia o del figlio e io gli dissi vattene a fanculo te e chi ti ci ha messo”.

“Mi scusi, ma come si fa a chiedere in regalo 2 milioni di euro?”. “Aracu è una delle persone più spudorate che io conosca”. “L’ha minacciata? Le ha promesso qualcosa?”. “Il suo discorso è stato: “Noi ti abbiamo dato quello che hai chiesto per la prima cartolarizzazione, ma adesso ci devi tu”. E io: “Che cazzo mi avete dato? Un paio di palle! Se io avanzavo 110 milioni, voi me ne avete dati 76. Che cavolo racconti?”. E lui: “Guarda che per te abbiamo fatto. Devi stare attento””. “Aracu che funzioni aveva?”. “Lui era il capo di Forza Italia in Abruzzo per delega fondamentalmente della corrente di Cicchitto. Tanto per essere chiari, Cicchitto era stato il suo grande protettore. Anche quando voi gli avete scoperchiato qualche pentolina che non riguardava me e che in quella circostanza lo ha blindato, come voi sapete…”.

Interrogati come indagati, Giovanni Pace e Sabatino Aracu hanno negato ogni singola circostanza riferita da Angelini. Ed è verosimile che altrettanto faranno Domenici e Masciarelli. Anche se il centrodestra sembra messo a rumore. E in qualche apprensione. Alimentata anche dalle allusioni di Carlo Taormina, che dal centrodestra è stato scaricato e che di Masciarelli è stato avvocato nell’inchiesta Fira (per la quale venne arrestato nell’ottobre 2006). Dice oggi Taormina: “Le parole di Angelini sono oro colato. In questa vicenda è coinvolto l’intero arco costituzionale e sarei in grado di provarlo, se fossi svincolato dal segreto professionale”.

(La Repubblica 17 luglio 2008)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: