Leggi-canaglia,”Oh no, ancora!”: Il duro editoriale del Financial Times contro Berlusconi


Articolo originale: “Oh no, not again”, Financial Times, 25 giugno
Traduzione di Paolo Maccioni

Uno show dell’orrore

OH NO, ANCORA!
Silvio Berlusconi è al potere in Italia da quasi 50 giorni. Vedere il suo nuovo governo in azione è un po’ come sedersi a guardare ancora una volta un vecchio brutto film. Quando il leader di Forza Italia governò l’Italia dal 2001 al 2006, investì troppo tempo a legiferare per proteggere se stesso dalle inchieste e troppo poco per riformare la stagnante economia italiana. Ovviamente è troppo presto per esprimere giudizi netti. Ma l’ultima uscita di Berlusconi al governo ha già i tratti di un nuovo show dell’orrore. Leggi il seguito di questo post »

Roma, 8 luglio, manifestazione in piazza Navona. Passaparola!Colombo, Pardi, Flores d’Arcais: tutti in piazza contro le leggi-canaglia

I mass-media di questa manifestazione siete solo voi.

Care concittadine e cari concittadini,
il governo Berlusconi sta facendo approvare una raffica di leggi-canaglia con cui distruggere il giornalismo, il diritto di cronaca e l’architrave della convivenza civile, la legge uguale per tutti.

Questo attacco senza precedenti ai principi della Costituzione impone a ogni democratico il dovere di scendere in piazza subito, prima che il vulnus alle istituzioni repubblicane diventi irreversibile. Leggi il seguito di questo post »

E poi lo chiamarono il Magnaccia. Il senso di ciò che è “fine”

di Wildgreta

Chiedo scusa a Terence Hill per aver accostato la serie di cult movie degli anni 70 Trinità, ad uno dei momenti più bui della nostra Repubblica. Uno di quei momenti che molti di noi non avrebbero mai voluto vivere. Certo che, se alla democrazia si preferisse la dittatura, allora l’Italia di oggi sarebbe il posto giusto dove vivere. Non possiamo però accontentarci di esprimere a parole il nostro dissenso verso tutti gli ultimi provvedimenti del governo BERLUSCONI 4, il cui premier è stato definito da Di Pietro, dopo la pubblicazione delle intercettazioni, “magnaccia”. Definizione maleducata, dice qualcuno del PD e non solo. La mia domanda, allora,  è:” cosa ha fatto di educato Berlusconi in questi due mesi? Dove, non avrebbe toccato abissi di volgarità l’ex cantante travestito da statista? E’ forse “fine” prendere le impronte ai bimbi Rom? E’ fine scomodare l’esercito per difendersi dai cittadini campani che hanno visto i loro cari ammalarsi e morire di spazzatura? E’ fine bloccare 100.000 processi? E’ fine organizzare vertici istituzionali  a casa propria? E’ fine usare il parlamento  a proprio uso e consumo, mentre gran parte degli italiani non riuscirà ad approfittare neppure dei saldi? E’ forse fine avere un alleato che minaccia di estrarrei fucili se non verrà accontentato?  E’ fine bloccare le intercettazioni anche se ritenute indispensabili per tante indagini? E’ fine riempire il parlamento dei propri avvocati? E’ fine far eleggere  tanti indagati e condannati? E’ fine scomodare Robin Hood, per schedare i poveri? Ma, soprattutto, è fine avere un premier come Berlusconi?

E allora, non limitiamoci a parlare, ma aderiamo in massa alla manifestazione dell’8 luglio a piazza Navona alle ore 18 facendo sentire la nostra vicinanza all’unica opposizione che è rimasta in campo.Mentre il PD riflette e la sinistra si riorganizza.  Pubblicizziamo la manifestazione sul web, ma soprattutto partecipiamo tutti. 

La lettera di Antonio Di Pietro a Beppe Grillo sulla manifestazione dell’8 luglio a Roma

“Caro Beppe,
ci sono momenti nella vita delle nazioni in cui i cittadini devono fare delle scelte. Momenti in cui non si può più fare finta di niente e continuare a credere che, in fondo, nulla veramente cambierà. Le leggi che continuamente vengono proposte dal nuovo Governo sono un attentato alla democrazia. Se passano, vincerà il regime e perderà, per un tempo indefinito, la democrazia.br>Non c’è bisogno dell’esercito per togliere la libertà ai cittadini. E’ sufficiente manipolare l’informazione e, grazie a questa, farsi eleggere in Parlamento. Quindi legiferare contro la Costituzione, contro l’indipendenza della magistratura, contro la sicurezza dei cittadini, contro la libera informazione. Una legge dopo l’altra.
Cosa distingue un primo ministro di una democrazia da un dittatore? Il vero tratto distintivo è l’impunità assoluta del dittatore. Leggi il seguito di questo post »

Rifiuti: terzo camion con materiale radioattivo

Bloccato ad ingresso discarica Sant’Arcangelo Trimonte
(ANSA) – BENEVENTO, 28 GIU – Un terzo camion con materiale radioattivo e’ stato bloccato all’ingresso della discarica di S.Arcangelo Trimonte (Benevento). Il mezzo, proveniente da Acerra (Napoli), e’ stato bloccato dai militari dell’esercito in attesa delle decisioni della magistratura. Altri due camion con materiale radioattivo al di sopra della soglia tollerabile erano stati bloccati nei giorni scorsi.

AMMINISTRATIVE: 26 BALLOTTAGGI IN SICILIA. TUTTE LE SFIDE E C’E’ ANCHE SGARBI

Domani e lunedi’ si va al ballottaggio in 26 dei 147 Comuni siciliani per i quali si e’ votato al primo turno il 15 e 16 giugno. In gara, per una poltrona da sindaco anche il critico d’arte Vittorio Sgarbi, in corsa a Salemi (Trapani), sponsorizzato sin dal primo turno da Dc e Udc. Leggi il seguito di questo post »

Rifiuti: la Corte dei Conti boccia i commissari straordinari

I commissari straordinari per i rifiuti in Campania, nati per accelerare le cose, non hanno accelerato nulla.È questo il Giudizio del Presidente della Corte dei Conti sull’operato dei commissari chiamati a risolvere il problema dei rifiuti in Campania, emerso a seguito di una serie di indagini e controlli, che hanno messo in luce gli sprechi e le inefficienze e, in alcuni casi, le duplicazioni delle cariche. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: