Il prefetto di Roma: «Non prenderemo le impronte ai bambini rom»


ROMA (27 giugno) – Intervenendo a un incontro nella facoltà di Giurisprudenza di Roma Tre, il prefetto di Roma Carlo Mosca, commissario governativo per i nomadi per il Lazio, ha detto che nel censimento che sarà fatto nei campi nomadi di Roma non farà prendere le impronte digitali ai bambini rom. Leggi il seguito di questo post »

Stefano Pedica, IDV:Per una vera Class Action

di Stefano Pedica

Cari amici, pochi giorni fa abbiamo letto sui giornali, partendo dalla Marcegaglia, che la class action era da rinviare. Immediatamente dopo, il governo ha detto la stessa cosa: rinviamola a gennaio. C’è qualcosa che non va! Qualcosa che noi avevamo denunciato un po’ di mesi fa quando, a dicembre 2007, io non ho votato per protesta la finanziaria spiegando sia a Prodi che al partito, (che mi appoggiava), che la mia astensione sulla finanziaria  si basava sul fatto che fosse maturata una legge diversa da quella che noi volevamo, e cioè una legge che non tutelava affatto la persona truffata, ma le imprese.  Leggi il seguito di questo post »

Di Pietro: cittadini, non sudditi. L’8 Luglio ore 18 a piazza Navona con l’Italia dei Valori

La Lodo-Schifani è una vergogna correlata alla vergona dell’emendamento blocca-processi. Una è figlia dell’altra.

La blocca-processi vuol sospendere per un anno 100 mila processi, tra i quali uno che coinvolge Silvio Berlusconi, e per farlo produrrà gli effetti di un indulto. La Lodo-Schifani fa la stessa cosa definendo una cerchia di politici intoccabili e sospendendone i processi per cinque 5 anni.

I cittadini vogliono alle più alte cariche dello Stato persone oneste, da cui prendere esempio, senza condanne, senza processi aperti, senza conti in sospeso con la giustizia.E’ molto difficile far accettare quest’idea ad un Parlamento con 17 condannati in via definitiva ed almeno 70 persone con problemi giudiziari. Leggi il seguito di questo post »

Rifiuti Campania. Bertolaso immagina una squadra di 300 psicologi per la raccolta differenziata

Prima gli oratori e le parrocchie adesso gli psicologi. Bertolaso ha chiamato all’appello 300 medici per impostare la raccolta differenziata. La risposta dell’ordine degli psicologi della Campania: «Interventi andrebbero fatti, ma con alto profilo professionale».

Leggi il seguito di questo post »

Gasparri: “Chi si droga non può fare Tv”. E chi si droga in parlamento, può fare le leggi?

POL – Droga, Gasparri; Stop a conduttori Tv che ne fanno uso

Giovanardi: «In parlamento c’è cocaina» PD: “Se Giovanardi sa, faccia i nomi”

Roma, 25 giu (Velino) – Rispondendo, durante Klauscondicio, alla domanda di un internauta che chiedeva se i conduttori televisivi che fanno uso di cocaina possono andare in onda, il capogruppo del Pdl al Senato Maurizio Gasparri afferma: “Chi fa uso di cocaina non dovrebbe andare in Tv a condurre programmi. Lo dico anche in virtù del mio impegno sul campo nella lotta contro la droga, al fianco di don Pierino Gelmini. Leggi il seguito di questo post »

Affondo della Commissione europea sulle frequenze di Rete4


(Fede al mare)

di Marco Mele
Altro che intercettazioni. Venti domande “di fuoco” al Governo italiano. Eccone una, tra le altre, la numero 6: «Qualora si ritenga che sia ancora in vigore» l’autorizzazione a proseguire le trasmissioni in tecnica analogica per gli operatori che non sono titolari di una concessione analogica (Rete 4 e Tele+Nero, oggi D-Free), «si prega di indicare quali eventuali misure le autorità italiane intendono adottare per porre fine a tale autorizzazione».
A fare le domande è la direzione generale per la Concorrenza della Commissione Ue, guidata da Neelie Kroes. Con un questionario inviato nella scorsa settimana al Governo, nell’ambito della procedura d’infrazione aperta su norme della legge Gasparri e della legge 66 del 2001, la Commissione chiede un’interpretazione dell’emendamento sul sistema televisivo approvato in sede di conversione, con la legge 101 del 6 giugno, del decreto per l’attuazione degli obblighi comunitari e l’esecuzione delle sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: