Camera: governo battuto sui rifiuti. La Lega Nord ha votato contro la maggioranza

Idv: stop ai pianisti o inizia ostruzionismo

Passa un emendamento Udc sul termovalorizzatore di Napoli.

ROMA – Governo e maggioranza battuti alla Camera durante le votazioni sul decreto legge per l’emergenza rifiuti in Campania. È stato approvato infatti un emendamento dell’Udc sull’articolo 8 riguardante il termovalorizzatore di Napoli. L’aula, con il parere contrario di commissione e governo, con 274 sì e 224 no ha approvato un emendamento sui fondi Cip6 all’articolo sul termovalorizzatore di Napoli. Ben 38 deputati Lega Nord hanno votato a favore dell’emendamento (più uno dell’Mpa), mentre altri undici hanno detto no. I lavori sono stati sospesi su richiesta del relatore, Agostino Ghiglia (Pdl), per valutare il testo dopo l’approvazione di tale modifica che sopprime una parte dell’articolo relativo al deposito dei rifiuti. All’Udc mancava il 20% dei deputati, al Pd il 14% e all’Idv il 10%, sul fronte della maggioranza il Pdl aveva solo il 9% di assenze e la Lega il 5%.

PIANISTI – L’Italia dei valori ancora una volta alla Camera ha sollevato lo scandalo dei cosiddetti «pianisti», deputti che votano per i colleghi assenti. «Continuiamo a vedere nei banchi della maggioranza deputati che votano per colleghi che non ci sono», ha detto il capogruppo dell’Idv Massimo Donadi. «Chiediamo il ritiro delle schede dei colleghi che non sono in aula nell’interesse di tutti e per la dignità e la funzionalità del Parlamento». Un altro esponente dell’Idv, Fabio Evangelisti ha avvertito: «Se l’atteggiamento della maggioranza non cambia, saremo costretti a riprendere quell’antipatica forma di ostruzionismo che non siamo intenzionati a fare». A questo punto il presidente di turno della Camera, Rocco Buttiglione, ha fatto eseguire i controlli e subito dopo il governo è stato battuto nella votazione dell’emendamento Udc.

COMMENTI – «È noto che in tema di rifiuti, ma anche su altri provvedimenti, c’è una forte sofferenza della Lega», afferma Antonello Soro, capogruppo del Pd alla Camera. «È un altro segnale di una compattezza della maggioranza assai meno granitica di quanto appaia». «Il voto contrario della Lega è un segnale politico da non sottovalutare», ha commentato Antonio Borghesi, vice presidente dell’Idv alla Camera. «È evidente che la distanza tra la Lega e il governo aumenta ogni giorno di più. La spaccatura è inevitabile». Minimizza invece Italo Bocchino, vice capogruppo del Pdl alla Camera: «Si tratta di piccole divergenze interne alla maggioranza». «Bisogna responsabilizzare gli amministratori locali. Il governo deve avere il coraggio di andare avanti su questa strada e completare il lavoro fatto in commissione», ha replicato Roberto Cota, capogruppo della Lega Nord alla Camera. «Abbiamo dato un segnale costruttivo, credo che ore non ci saranno più problemi. Nessuno mette in discussione che vadano dati i soldi alla Campania, ma si deve capire che è finita l’era del “paga tutto pantalone”». «Con il nostro voto abbiamo evitato che i depositi temporanei di rifiuti si trasformassero in vere e proprie discariche abusive», ha commentato Mauro Libè, capogruppo dell’Udc alla commissione Ambiente alla Camera. Francesco Storace, segretario di La Destra: «I rifiuti di Napoli rappresentano il primo problema a cui Berlusconi ha promesso di dare soluzione. Ma la sua granitica e “omogenea” maggioranza va sotto alla Camera: valeva la pena di farci fuori?».

19 giugno 2008

4 Risposte to “Camera: governo battuto sui rifiuti. La Lega Nord ha votato contro la maggioranza”

  1. antgri Says:

    e sono due….
    menomale che hanno una larga maggioranza!

  2. wildgreta Says:

    Ha detto la Lega che è un avvertimento per Berlusconi, una specie di “Non ingoiamo tutto, se vogliamo ci ribelliamo”. Volevano far sapere che sono sempre dei duri. Non ho aggiunto “puri” perchè la moglie di Giorgetti è indagata per truffa (400.000 euro alla Regione Lombardia, firme false, ecc).

  3. antgri Says:

    AMARCORD…. un film di Fellini bellissimo…
    questo mi suscita questa situazione, già vista, già vissuta.

    Gli attori sono gli stessi.
    I comportamento pure.
    E i giochi di forza all’interno della maggioranza anche.

    Ma come mai il popolo italiano ha l amemoria così corta?
    Un popolo che ha perso la capacità e l’energia per indignarsi…

    siamo mediocri… impietoso ma è così….

    (è una valutazione scevra da faziosità politiche..potevacapitare anche con lìopposizione)

  4. wildgreta Says:

    La buona notizia è che oggi Veltroni si è svegliato. Meglio tardi che mai. Non lo avevo mai visto così arrabbiato. Aspettiamo che spieghi a tutti cosa significa il buco nel bilancio di Roma, così potremo pubblicarlo. Oggi ha detto che Berlusconi non può parlare di bilanci, visto che durante il suo governo è aumentato il deficit di 30 miliardi di euro, e va bene. Però sarebbe meglio che fosse più preciso su Roma, così capiremmo meglio anche noi e, per la prima volta da qualche mese a questa parte, potremmo difenderlo…


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: