Travaglio: Berlusconi, un “diversamente altruista”

Ora d’aria
di Marco Travaglio
Berlusconi che fa una legge per salvare un’altra volta Rete4: chi l’avrebbe mai detto. Lo stupore e la costernazione serpeggiano in Parlamento e tra gli osservatori più accreditati, di pari passo con l’incredulità per il tentativo di mandare in prescrizione con un emendamento al pacchetto sicurezza il processo Mills, per ora sfumato grazie alla fiera resistenza di Bobo Maroni (il nuovo capo dell’opposizione). Non può essere, dev’esserci un equivoco. Ma come: lo statista che vuole passare alla Storia, il De Gaulle reincarnato, il gigante della politica che due giorni fa risolveva nel breve spazio di una conferenza stampa le annose piaghe della monnezza e dell’insicurezza, il campione del dialogo delle riforme, il Cavaliere trasformato, anzi trasfigurato col quale avviare una nuova era, anzi una Terza Repubblica, il protagonista del “ritorno dello Stato” che dà una “scossa benefica” alla “politica intesa come iniziativa di governo” e al “ripristino dell’autorità politica di pari passo con il principio di legalità e di responsabilità” (Stefano Folli, Sole-24 ore), il decisionista che “rompe col passato” e incarna la “voglia di Stato” e “non ammette neppure l’apparenza di cedimenti” (Massimo Franco, Corriere della Sera), ecco: vi pare possibile che un pezzo d’uomo così si abbassi a firmare una leggina, anzi un codicillo per salvare i propri vili interessi di bottega, mettendo fra l’altro a repentaglio il proficuo dialogo con la fu opposizione? Leggi il seguito di questo post »

Il parlamento si arricchisce di nuovi rinviati a giudizio: Luigi Grillo (PDL)

IL PARLAMENTO DELL’IMPUNITA’

DI ANTONIO DI PIETRO

Luigi Grillo, senatore del Pdl, è stato rinviato a giudizio in merito alla mancata scalata alla banca Antonveneta insieme a altre 17 persone. Tra queste compaiono l’ex governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio e l’ex amministratore della Banca Popolare di Lodi Giampiero Fiorani.

Le vicende giudiziarie di Luigi Grillo erano già note prima delle elezioni e la sua candidatura può essere letta come un tentativo di sottrarsi a un’eventuale condanna grazie all’immunità parlamentare. Luigi Grillo è stato anche nominato presidente della Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato. Leggi il seguito di questo post »

Tutte le poltrone delle commissioni di Camera e Senato

di Nicoletta Cottone
Giochi fatti alle commissioni di Camera e Senato. Senza troppe sorprese l’enigma delle presidenze di commissioni al Senato. Solo una donna fra i 14 presidenti: è Rossana Boldi alle Politiche Ue. Nessun ribaltone come quello che nella XV legislatura portò Sergio De Gregorio alla guida della commissione Difesa, solo qualche new entry rispetto al totopresidenti dei giorni scorsi. All’opposizione rimane solo la guida della Giunta per le elezioni e la immunità andata a Marco Follini, mentre il Pdl fa il pieno di presidenze: ben 13 (in particolare, nove a Forza Italia, tre ad An e una ai Liberaldemocratici con Lamberto Dini). La Lega incassa solo la presidenza della commissione Politiche europee, che però verrà convocata in un secondo momento. Pd e Idv votano, ufficialmente, scheda bianca, ma in più di un’occasione sui presidenti Pdl confluiscono voti in più, rispetto a quelli di cui dispone la maggioranza. Ad An sono andate presidenze importanti come la Giustizia con Filippo Berselli, la Finanze con Mario Baldassarri e l’Industria, con l’ex sottosegretario alla Sanitá Cesare Cursi, il movimento gli azzurri hanno incassato tutte le altre. Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: