Il Contratto con gli Italiani? Uno scherzo. Parola di Silvio Berlusconi

Il Contratto con gli Italiani era una farsa!

di Marco Travaglio

 

Il Contratto con gli Italiani siglato da Silvio Berlusconi a Porta a Porta l’8 maggio 2001, dinanzi al notaio Bruno Vespa, era uno scherzo. «Non era un contratto», «non ha mai avuto alcuna rilevanza giuridica»…

Insomma un semplice «atto politico» dotato di una «totale improduttività di effetti per nullità-inesistenza».

È nullo, non è mai esistito. Chi lo dice? Un antiberlusconiano sfegatato? Un demonizzatore accanito? No, lo dice lo stesso autore del Contratto-non contratto: Silvio Berlusconi in persona. Dove? Negli atti difensivi depositati dai suoi legali nella causa intentata due anni fa da un giovane rompiscatole, A.C.: l’unico italiano ad aver preso sul serio il Contratto con gli Italiani.

Al punto da recepirlo formalmente, recapitando al Cavaliere il 10 febbraio 2006 ­ penultimo giorno della penultima legislatura – un “atto di accettazione”. In quella letterina piena di riferimenti giuridici, A.C. rammentava all’ allora premier che quello siglato sulla celebre scrivania di ciliegio “può essere qualificato come un contratto con obbligazioni del solo proponente (art. 1333 Codice civile)”.

Quindi, non essendo “stato da Lei mai revocato”, è “giuridicamente vincolante” e sottoposto alla verifica della magistratura. Da quel momento si è perfezionato il contratto unilaterale fra Berlusconi e gli italiani (che non avevano firmato nulla), perché almeno uno di essi l’ha accettato. E, con quella firma, è scattata la trappola. Il rompiscatole e i suoi avvocati Alessandro Frittelli e Giuseppe Marazzita ricordano al Tribunale civile di Milano che il Cavaliere s’era impegnato a “non ripresentarmi alle elezioni del 2006 se, al termine dei 5 anni di governo, almeno 4 su 5 traguardi non fossero stati raggiunti”.

Impegno violato nel 2006 e nel 2008, quando Berlusconi s’è ricandidato per ben due volte, pur avendo mancato tutti e 5 i traguardi “contrattuali”. Lo stesso Cavaliere ­ osservano i legali di A.C. ­ séguita a ripetere di aver rispettato “l’85% degli impegni”, mentre in casa Vespa aveva promesso di realizzarne interamente 4 su 5. Dopodichè le aliquote fiscali sono rimaste 4, non 2; le pensioni minime non sono aumentate a 516 euro per tutti, ma solo per qualcuno; i delitti non sono diminuiti, ma aumentati; la disoccupazione non s’è dimezzata; il 40% di grandi opere non è partito.

Perciò il tignoso cittadino si sente preso in giro e chiede i danni: 5 mila euro simbolici per mancata ottemperanza dell’”obbligo di non facere”. Cioè di ritirarsi a vita privata. La difesa Berlusconi ribatte che il Contratto è “nullo”, dunque nessuno può pretenderne il rispetto: era un semplice “programma politico”.

Ma A.C. dimostra che il programma della Cdl era tutt’altra cosa rispetto al Contratto, come lo stesso Cavaliere proclamò solennemente a Porta a Porta. La difesa Berlusconi ammette addirittura che gl’impegni non furono rispettati, anche se accampa le solite scuse: “Se il mancato raggiungimento di una o più parti del programma politico si è verificato, cioè è dovuto a fattori politico-economici imprevedibili e indipendenti dalla volontà del dr. Berlusconi: a partire dell’attentato alle torri gemelle fino al buco di 37 mila miliardi di lire scoperto dopo l’insediamento del Governo…”.

Poi, a scanso di equivoci, invoca l’immunità parlamentare: il Contratto-non contratto rientrerebbe “nell’attività insindacabile” protetta dall’”art.68 della Costituzione” che “comporterebbe l’improcedibilità del giudizio o la sospensione del processo” in attesa dell’autorizzazione a procedere della Camera.

Ma qui il rompiscatole A.C. piazza il colpo che potrebbe essere decisivo: “Se il dr. Berlusconi sapeva che il Contratto era inesistente e dunque nullo, perché non ne ha dato notizia fin dall’inizio” a lui e agli altri 58 milioni di italiani?

Partecipa al nostro sondaggio elettorale, clicca qui:

Sondaggio:per votare basta cliccare sul partito

 

Annunci

ELEZIONI: LOS ANGELES TIMES, ITALIA TERRA DI CORRUZIONE DECADENZA ECONOMICA

Votate il nostro sondaggio elettorale: Sondaggio

Roma, 13 apr. (Adnkronos) – “L’Italia e’ oggi una terra inondata da corruzione, decadenza economica, noia politica, dilagante impunita’ e uno standard di vita in declino”. Lo scrive il Los Angeles Times in un’impietosa descrizione del nostro paese in occasione delle elezioni politiche per la scelta del “62esimo governo in 63 anni”. Elezioni nelle quali gli elettori potranno scegliere fra “rei condannati” o “ballerine della tv”. Il titolo dell’articolo di Tracy Wilkinson e’: “In Italia il crimine paga e vi puo’ far eleggere”. “L’uomo che guida i sondaggi- scrive il quotidiano californiano- e’ Silvio Berlusconi, un tycoon miliardario che, all’eta’ di 71 anni, diventerebbe primo ministro per la terza volta. Per quanto abbia portato una sorta di stabilita’, e’ ampiamente accusato di governare per arricchire se’ stesso, il suo impero dei media e i suoi amici. Berlusconi -prosegue il Los Angeles Times- guida una lista di candidati che comprende il suo fisioterapista, un fascista non pentito e numerose donne del centro destra che, ha detto Berlusconi questa settimana, sono sicuramente piu’ belle delle donne di sinistra. Fra loro vi e’ una delle voluttuose ballerine normalmente mostrate in abiti succinti sul suo network televisivo”. “Il suo principale avversario e’ Walter Veltroni -continua il giornale- un popolare sindaco di Roma ed ex comunista che ha cercato

di lanciarsi come un agente di cambiamento, malgrado sia da decenni in politica. Guida una coalizione sciolta dei notoriamenti frazionati partiti di sinistra e centro sinistra”. (segue)

(Civ/Pe/Adnkronos)

13-APR-08 18:01

Votate il nostro sondaggio elettorale: Sondaggio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: