PROGRAMMA IDV: DI PIETRO, IN CASI GRAVI ANTICIPARE PENA DOPO PRIMO GRADO

di Wildgreta
Questa sarebbe davvero una riforma importante. Parlo per tutti quei reati per cui la libertà dell’indagato può rappresentare un pericolo per la società. Per prima cosa mi viene in mente il pedofilo ottantenne arrestato pochi giorni fa e che era  a piede libero nonostante due condanne per pedofilia in primo e secondo grado. L’anziano uomo è stato colto in flagranza di reato con alcuni ragazzini ed è stato finalmente arrestato. Il problema è che la prima condanna era del 2000 e, quindi, dal 2000 al 2008 quell’uomo ha potuto continuare a delinquere impunemente abusando di altri ragazzini. Poi mi vengono in mente insegnanti e bidelli, liberi di spostarsi di scuola in scuola fino alla cassazione. Esistono insegnanti assolti in primo grado dall’accusa di pedofilia, che poi sono stati condannati in appello. Anche per questi casi bisogna trovare una soluzione. Devono restare a contatto con i bambini perchè assolti, o si deve attendere il terzo grado di giudizio per riabilitarli?
Ecco la dichiarazione di Di Pietro:
Roma, 25 mar. – (Adnkronos) – Antonio Di Pietro non comprende l’ostilita’ che raccoglie una sua eventuale candidatura alla guida del ministero della Giustizia da parte di esponenti del Pd. Il leader dell’Idv ne ha parlato nel corso della registrazione di ‘Porta a Porta’ durante la quale ha brevemente illustrato il suo programma per la giustizia. ”Ho letto e ho sentito commentare, da parte di esponenti del Pd, una mia eventuale nomina alla guida del ministero della Giustizia. Questa eventualita’ e’ stata accolta con orrore. Capisco una reazione simile da parte di Berlusconi, ma che questo avvenga da dentro il Pd, proprio non mi piace”. Sulla giustizia, ha proseguito Di Pietro, ”occorre stabilire una volta per tutte cosa si intende fare”. Il leader dell’Idv ha brevemente riassunto i punti essenziali di un programma che potra’ essere discusso dopo le elezioni. Di Pietro e l’Idv prevedono la riduzione, da 3 a 2, dei gradi di giudizio, l’aumento del 30% delle risorse destinate alle forze di polizia e al personale giudiziario e l’anticipazione dell’esecuzione della pena, dopo la sentenza di primo grado, in caso di estrema pericolosita’ dell’imputato. Nel programma dell’Idv, ha ricordato ancora Di Pietro, e’ presente la proposta di interrompere i termini di prescrizione di un reato, una volta stabilito in rinvio a giudizio. ”Nel programma del Pd sulla giustizia -ha ricordato Di Pietro- questa misura non e’ prevista ma la si puo’ sempre introdurre. Ricordo solo -ha concluso il leader dell’Idv- che Veltroni si e’ impegnato a rivedere le leggi ad personam approvate da Berlusconi. Su questo siamo d’accordo”.

(Ruf/Col/Adnkronos)

25-MAR-08 15:28

Bat, l’Italia dei Valori apre la campagna elettorale a Trani

Si parlerà di “Legge elettorale e voto utile”
idv.jpg
“Questa sera alle ore 19.30, presso l’Hotel San Paolo al Convento a Trani, vi sarà l’apertura della campagna elettorale dell’Italia Dei Valori nella BAT.All’incontro-dibattito su “Legge elettorale e voto utile” interverranno:

Relatori:
L’avv. Sebastiano de Feudis
Assessore Provincia di Bari

L’On.le Felice Belisario
Componente Giunta Elezioni della Camera dei Deputati

L’On.le Pino Pisicchio
Presidente Commissione Giustizia Camera dei Deputati

Il Sen. Giuseppe Caforio
Vice Presidente Commissione Inchiesta sulla Sanità

Il Dott. Pierfelice Zazzera
Coordinatore Regionale IDV

Invece, mercoledì 26 marzo 2008 l’IDV su tutto il territorio nazionale terrà una giornata di mobilitazione con gazebo e tavoli per promuovere il programma.
Nella città di Trani la manifestazione si svolgerà per tutta la giornata nella centralissima piazza della Repubblica. L’iniziativa mira a divulgare il programma dell’IDV e promuovere la campagna “Io sostengo IDV” che consentirà, a tutti coloro che manderanno una mail di disponibilità a collaborare con l’IDV, la spedizione di un Kit elettorale.
Alla manifestazione sarà presente l’Assessore alla Provincia di Bari l’avv. Sebastiano de Feudis, candidato al Senato della Repubblica per l’Italia Dei Valori”
.

ELEZIONI: PER SONDAGGI UDC, PAREGGIO AL SENATO

L’Unione di centro e’ molto fiduciosa sull’esito delle elezioni politiche del 13-14 aprile. Nonostante le uscite dal partito di alcuni esponenti anche di spicco, Pierferdinando Casini e’ convinto di ottenere un ottimo risultato. Il segretario centrista, Lorenzo Cesa, nei giorni scorsi ha rivelato proprio ad Affaritaliani.it che l’Udc, in base ai sondaggi interni, si attesta al 7,4 ed eleggera’ tra 9 e 15 senatori, superando lo sbarramento dell’8 per cento previsto dalla legge elettorale a Palazzo Madama in Sicilia, Campania, Puglia, Veneto, Marche, Toscana e probabilmente Abruzzo. Ma quale sarebbe la ripercussione al Senato se le previsioni di Casini fossero vere? Il quotidiano online Affaritaliani.it ha elaborato questi dati, proiettandoli a livello di distribuzione dei seggi nella Camera Alta. Stando ai numeri che circolano in Via Due Macelli, come detto, l’Udc dovrebbe eleggere tra 9 e 15 senatori, mentre la Sinistra Arcobaleno tra 16 e 20. E il risultato delle due formazioni minori genera un sostanziale pareggio a Palazzo Madama e quindi l’assenza di una maggioranza per la coalizione che candida Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi.

La Repubblica 25 marzo 2008

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: